Le Mie Passeggiate

il sito di Giuseppe Albrizio

Appennino oltre i 2000 metri

Monte Blockhaus, Monte Cavallo, Monte Focalone, Cima Pomilio, Monte San Angelo, Monte Rotondo; dal Rifugio Bruno Pomilio, Majelletta

 

Monte Blockhaus, Monte Cavallo, Monte Focalone,

Cima Pomilio, Monte Sant'Angelo, Monte Rotondo

dal Rifugio Bruno Pomilio, Majelletta

Introduzione:

Cartina di riferimento “CARTA DEI SENTIERI - GRUPPO DELLA MAJELLA­ - CLUB ALPINO ITALIANO - Sezione di Chieti - scala 1:25.000” Attenzione; molti sentieri segnati non corrispondono a quelli reali sul campo.

Nota 1: escursione fatta il 18 Luglio 2007 - Traccia GPX

tempo totale dell'escursione: 8,15 ore - ascesa 1400 m circa - Km 23

altri percorsi:

Monte Blockhaus-Monte Cavallo-Monte Focalone

Cima Pomilio-Monte Sant'Angelo, Monte Rotondo

Nota2:

La base di partenza è il Rifugio Bruno Pomilio 1895 m, posto alla fine della strada che porta alla zona sciistica della Majelletta.

L'accesso al Rifugio non è difficile in quanto la località è una stazione di sport invernali molto nota.

Dall’autostrata A25 Roma-Pescara si esce al casello Alanno-Scafa e si seguono le indicazioni per Lettomanoppello e poi per il Passo Lanciano, dal valico si seguono le indicazioni, a destra, per il Blockhaus e la Majelletta giungendo presso il Rifugio Bruno Pomilio dove si parcheggia.

La prima cima che si tocca ha uno strano nome; il Blockhaus.

Qualche secolo fa le vie di comunicazione più brevi tra i vari paesi che si trovano ai piedi della Majella erano le mulattiere che scavalcavano la montagna ma queste erano anche dominio dei ladri, banditi e briganti, persone che scontenti dello stato sociale in cui versavano nel Regno di Napoli, (miseria, povertà estrema, ingiustizie) dopo aver commesso gravi reati si rifugiavano su queste impervie montagne  opponendosi in questo modo ai governanti locali e ai reali.

I Borboni per proteggere i viandanti dalle scorrerie dei ladri costruirono il fortino sul Blockhaus che poi, dopo l’unità d’Italia venne utilizzato da mercenari austriaci (ecco perché questo strano nome) al servizio della casa sabauda per combattere il brigantaggio.

Nota 3: Fino a poco tempo fa si poteva continuare in auto fino al piazzale del Blockhaus 2070 m (circa), dove c’è un altare votivo dedicato alla Madonna, ma con l’istituzione del Parco Nazionale della Majella è stato deciso di chiudere al traffico l’ultimo tratto della strada complicando, e non poco, la passeggiata all’escursionista che vuole raggiungere le vette più alte della Majella.

Ora, al già lungo percorso per raggiungere le cime più alte, bisogna aggiungere tra andata e ritorno altre 2 ore con 200 metri di dislivello e una distanza di 6 Km. Di solito, chi è diretto sul Monte Amaro, dal piazzale del Blockhaus non tocca la vetta dove c’era il fortino (oggi ne restano solo le fondamenta), ma aggira la montagna dal versante Est utilizzando un evidente sentiero tra i pini mughi. Attualmente (estate 2011) questa via è diventata molto scomoda, conviene aggirare la  montagna dal versante Ovest lasciando l’altare votivo a sinistra. Il sentiero è ben segnato con vernice bianco-rossa e lettera P

Descrizione:

Arrivati in auto presso il Rifugio Bruno Pomilio, quota 1895 m, si parcheggia nell’ampio spiazzo o ai lati della strada. A piedi si percorrere la carrozzabile chiusa al traffico fino a giungere nel piazzale del Blockhaus (alla partenza, lato Sud del Rifugio, si può tagliare un tornante su un evidente traccia in direzione Sud-Ovest ma, concretamente in salita non si ha nessun vantaggio), ottimo il panorama su gran parte del Gruppo e sugli incassati e selvaggi valloni sottostanti. Si passa a destra dell'altare votivo e si salgono gli ultimi 70 metri di dislivello in direzione Sud-Ovest (vedi Nota 4), su tracce di sentiero tra i pini mughi, fino a giungere sull’ampia cima del Monte Blockhaus 2142 m dove ci sono le fondamenta del fortino. Tempo di salita 1,30 ore, ascesa 250 m.

Nota 4: per salire sul Monte Blockhaus senza districarsi più di tanto tra i pini mughi, una volta giunti nel piazzale (2070 m circa), si segue il sentiero segnato P che aggira lo stesso monte in senso antiorario e che è diretto sul Monte Amaro (come sopra detto). Appena superate alcune tabelle escursionistiche (tra cui una della Forestale) inizia il sentiero che subito si biforca, quello di destra scende leggermente, seguire quello che va dritto e in piano, dopo circa 300 metri si giunge ad un quadrivio. Prendere la via di sinistra (Sud-Est) che sale ripida e segnata con paletti di legno fino sulla vetta.

Un'altra alternativa è la seguente: appena superate le tabelle escursionistiche si trascura l'evidente sentiero (P) e si cerca a sinistra un passaggio tra i pini mughi, si trova un tunnel aperto nella vegetazione che si segue senza possibilità di errore, a quota 2130 metri la mulattiera costeggia a sinistra una piccola dolina, abbandonando momentaneamente la traccia, andando a sinistra ci si avvicina, sempre tra i pini mughi, sul ciglio della rocciosa cresta dove, poco più in alto, si tocca la croce visibile dal piazzale del Blockhaus, ripresa la via si raggiunge il pianoro sommitale e le fondamenta del fortino.  

Dal fortino si scende dall’altra parte (Sud), districandosi tra i pini mughi (vedi foto 008j), fino al punto dove il tracciato si ricongiunge con i due che aggirano il Blockhaus sia da Est che da Ovest, si continua sempre nella stessa direzione mantenendosi leggermente a Est rispetto al crinale con spettacolari vedute dei valloni sottostanti (Vallone delle Tre Grotte e Selvaromana a Est, Vallone dell’Orfento a Ovest), si trascura il sentiero che in direzione Est scende nel Vallone delle Tre Grotte e abbandonando, per il momento, la via principale che scende a sinistra della cresta, si continua sul filo di questa fino a giungere sul Monte Cavallo 2171 m - 0,30 ore dal fortino del Blockhaus – ascesa 100 m. Lungo la cresta Sud del Monte Cavallo su lastroni di roccia calcarea ci sono interessanti iscrizioni lasciate da briganti, pastori, viandanti e negli ultimi anni anche da qualche fantasioso escursionista, la zona è conosciuta come la “Tavola dei Briganti”

Una di queste iscrizioni recita:”NEL 1824 NACQUE VITTORIO EMANUELE. PRIMA DEL 1860 ERA IL REGNO DEI FIORI, OGGI E’ IL REGNO DELLA MISERIA”. Un’altra:”PASQUALO FRETA 1869 D.R. LI”

Per raggiungere la Tavola dei Briganti dal Monte Cavallo si ritorna in dietro fino a riprendere il sentiero principale, si scende più nettamente sempre in direzione Sud tra alti pini mughi e si deve fare attenzione a una deviazione sulla destra (di solito segnata da freccia di legno o da un omino di pietre) che in pochi minuti porta presso i lastroni.

Ritornati sulla via principale in breve si giunge alla Sella Acquaviva 2100 m – 15 minuti dal Monte Cavallo (senza considerare la visita alle interessanti iscrizioni).

Ottima fonte, di solito un filetto d’acqua c’è sempre, fondamentale per l’escursionista che passando le ferie al mare sulla riviera adriatica tra Pescara-Chieti-Ortona decide di passare un giorno diverso, nelle giornate estive assolate e di caldo afoso, affrontando la lunga e dura salita, su enormi sfasciumi pietrosi, a tratti a saliscendi, per il Monte Amaro (nonostante la quota elevata la calura si fa sentire). La fonte, senza nome su IGM, è alimentata da una sorgente, non visibile dalla Sella Acquaviva, che si trova in uno stretto vallone a 20 minuti di cammino in direzione Sud-Est. Dopo aver bevuto abbondantemente e riempite nuovamente le borracce si riparte lasciando a sinistra il poco visibile e mal segnato sentiero basso per la Cima delle Murelle e la traccia che porta alla sorgente. Si sale in direzione Sud seguendo il crinale tra alti mughi e ghiaie, superati circa 150 metri di dislivello si è a un bivio, lasciato il sentiero segnato che va a sinistra, (traversa un’ampia conca rocciosa e sbuca sul crinale Nord-Est del Monte Focalone, pochi metri al di là, non visibile, versante Est, c’è il bivacco Fusco 2455 m) si sale direttamente in direzione Sud lungo la dorsale Nord del Monte Focalone, molto panoramica, su tracce di sentiero ripido tra ghiaie e roccette fino a raggiungere la vetta del Monte Focalone 2676 m – 1,30 ore – ascesa 576 m.

Alcune guide escursionistiche sconsigliano di fare in salita l’ultimo tratto descritto, consigliando di passare dal crinale Nord-Est del Monte Focalone e facendo capire così che questo tratto è meglio affrontarlo in discesa. Secondo me, invece, all’andata conviene fare la “direttissima” Nord del Focalone approfittando della freschezza fisica e mentale dell’individuo e delle articolazioni delle gambe (ancora non affaticate) che rispondono in maniera perfetta.

Al ritorno quando la stanchezza si fa sentire, fare una discesa ripida su terreno infido è veramente pericoloso, conviene scendere comodamente verso il Bivacco Fusco (ben visibile dall’alto) e poi puntare, sempre per comodo sentiero, alla Sella Acquaviva.

Il Monte Focalone è anche un punto di incrocio di sentieri, a sinistra (Est) si va verso il Monte Acquaviva e la Cima delle Murelle, andiamo a Sud-Ovest e fatti pochi metri davanti a noi si presenta un grande spettacolo lunare, il Primo Portone, Secondo Portone, Terzo Portone, Cima Pomilio, Monte San Angelo, Monte Rotondo, Pesco Falcone, Rifugio Manzini e il puntino rosso del Bivacco Pelino in cima al Monte Amaro. Si scende a toccare la massima depressione del Primo Portone 2568 m (qui su una piccola lastra di pietra c’è la testimonianza della presenza dei pastori con le loro greggi sui pascoli d’altura della Majella,…in questi ultimi decenni non c’è più nulla, l’incisione recita:”GIOVANNI VENDITTI DI CAPRACOTTA PASTORE P….DI RAFAJELE SONO STATO 1893 SINO AL 1899”) che separa la Valle dell’Orfento a Nord-Ovest dalla Valle delle Mandrelle a Sud-Est  e si risale dall’altra parte fino alla Cima Pomilio 2656 m – 0,20 ore – ascesa 80 m.

Senza perdere quota ora si va in direzione Sud puntando alla rocciosa cima del Monte San Angelo, si passa su tracce di sentiero a sinistra e a destra del filo di cresta fino a raggiungere il piccolo cono terminale, aggirandolo a destra (Sud) si trova una traccia di sentiero che porta direttamente sulla vetta 2669 m, da dove si ha una buona visuale sulla Valle Cannella, il Rifugio Manzini e il Monte Amaro  –  0,20 ore – ascesa 50 m.

Da Monte San Angelo si scende direttamente verso Nord-Ovest puntando alla massima depressione del Secondo Portone 2566 m e da qui si sale in direzione Nord superando incredibili sfasciumi fin sulla vetta del Monte Rotondo 2658 m, ottima vista sempre sul Monte Amaro, Rifugio Manzini, Pesco Falcone e la lontanissima Majelletta da dove proveniamo - 0,30 ore – ascesa 100 m.

Tempo totale di salita 5 ore – dislivello in salita 1060 m. In discesa, ritornati sul Monte Focalone per scendere alla Sella Acquaviva si utilizza il comodo sentiero della cresta Nord-Est che porta al Bivacco Fusco (immancabile curiosare presso il bivacco e dentro) e proseguire in direzione Nord-Ovest su un altro comodo sentiero segnato fino presso la fontana da dove con la via d’andata si ritorna all’auto. Da non sottovalutare il dislivello totale da fare in salita al ritorno che sono circa 300 metri. Tempo di discesa 3,15 ore - ascesa totale (andata  più ritorno) 1360 m - km totali 23.

cartina 1-4

cartina 1-4 Blockhaus-Rotondo

cartina 2-4

cartina 2-4 Blockhaus-Rotondo

cartina 3-4

cartina 3-4 Blockhaus-Rotondo

cartina 4-4

cartina 4-4 Blockhaus-Rotondo

001 - Rifugio Bruno Pomilio, Majelletta

001

002 - base di partenza per escursioni sul Gruppo della Majella, la quata altimetrica non è 1980 m ma 1895 m

002

003 - La strada che dal Rifugio porta al Blockhaus, è chiusa al traffico

003

004 - Dal Rifugio le salite alle cime più alte sono lunghissime

004

005 - In primo piano Cima delle Murelle, dietro il Monte Acquaviva, Monte Focalone e a destra Monte Rotondo

005

006 - da sinistra, Focalone, Cima Pomilio, Rotondo, Amaro, Pescofalcone

006

007 - in fondo a sinistra il Monte Pescofalcone e, in primo piano, il Blockhaus

007

008 - Il sentiero tra i Pini Mughi, dal piazzale del Blockhaus alla Sella Acquaviva

008

008a - Monte Blockhaus, resti di un fortino borbonico (escursione del 18 Settembre 1993)

008a

008b - targa posta il 21 Ottobre 2012 su una pietra che faceva parte del basamento del fortino, 

la casualità ha voluto che le foto dal n. 008b al n. 008j sono state scattate lo stesso giorno

008b

008c - il Blockhaus

008c

008d - il Blockhaus

008d

008e - il Blockhaus

008e

008f - il Blockhaus

008f

008g - il Blockhaus

008g

008h - il Blockhaus

008h

008i - il Blockhaus

008i

008j - il Blockhaus visto da Sud, nella foto è evidenziata la via di discesa

008j 

009 - Il Blockhaus è gia alle mie spalle

009

010 - Il Monte Cavallo e la zona indicata come Tavola dei Briganti

010

011 - La Tavola dei Briganti e il Monte Focalone

011

012 - Scritte incise dai pastori e briganti nel 1800

012

013 - Località Tavola dei Briganti

013

014 - Questa incisione ha la S scritta al contrario, località Tavola dei Briganti

014

015 - Incisioni dei briganti, Tavola dei Briganti

015

016 - Incisioni dei briganti, località Tavola dei Briganti

016

017 - Incisioni fatte dai briganti, località Tavola dei Briganti

017

018 - Sella Acquaviva con l'omonima fonte 2100 m

018

019 - La Sella Acquaviva e il costone Nord di Monte Focalone da risalire

019

020 - Il lungo sentiero appena percorso dalla Majelletta

020

021 - Vetta di Monte Focalone 2676 m

021

022 - Dal Monte Focalone vista del 1° Portone, Cima Pomilio e a sinistra il Monte San Angelo

022

023 - Dal Monte Focalone vista del 1° e 2° Portone, in fondo il Monte Amaro

023

023a - Primo Portone, Giovanni Venditti di Capracotta, di Rafarele sono stato pastore, dal 1893 sino al 1899.

Foto scattata il 18 Settembre 1993, nelle successive ricognizioni la pietra scolpita non l'ho più trovata.

Vedi l'articolo n. 14 "Monte Amaro dal Rifugio Bruno Pomilio per i Tre Portoni" foto 064 e 065 

023a

024 - Dalla Cima Pomilio vista del 2° e 3° Portone, in fondo a destra Monte Pescofalcone

024

025 - Monte San Angelo 2669 m, salendo dal Blockhaus

025

026 - Monte San Angelo, la parte rocciosa si aggira sulla destra

026

027 - Giuseppe Albrizio sul Monte San Angelo, in fondo il Monte Amaro

027

028 - Il Monte Amaro visto da Monte San Angelo

028

029 - Da Monte San Angelo vista di Monte Rotondo, il 3° Portone e Monte Pescofalcone

029

030 - Dal 2° Portone vista del Monte Rotondo 2658 m

030

031 - Dal 2° Portone uno sguardo verso la Majelletta

031

032 - La vetta di Monte Rotondo completamente ricoperta da sfasciumi

032

033 - Giuseppe sul Monte Rotondo, dietro il Monte Amaro

033

034 - Il Rifugio Manzini 2520 m e il Bivacco Pelino sul Monte Amaro 2793 m

034

035 - Il Bivacco Fusco 2455 m

035

036 - Bivacco Fusco 2455 m, anfiteatro delle Murelle

036

037 - L'interno del Bivacco Carlo Fusco

037

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa sui Cookie

Cosa sono i Cookie e la loro definizione

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, potrebbero necessitare del consenso dell'Utente.

Cookie tecnici e di statistica aggregata

I Cookie tecnici hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al funzionamento di questo spazio online. I Cookie tecnici utilizzati dal Titolare possono essere suddivisi nelle seguenti sottocategorie:

Cookie di navigazione, per mezzo dei quali si possono salvare le preferenze di navigazione ed ottimizzare l’esperienza di navigazione dell’Utente;

Cookie così detti “analytics”, per mezzo dei quali si acquisiscono informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima;

Cookie di funzionalità, anche di terze parti, utilizzati per attivare specifiche funzionalità di questo spazio online e necessari ad erogare il servizio o migliorarlo.

Tali Cookie non necessitano del preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.

Altre tipologie di Cookie o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo

Alcuni dei servizi elencati di seguito potrebbero non richiedere il consenso dell'Utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal titolare – a seconda di quanto descritto – senza l'ausilio di terzi.
Qualora fra gli strumenti indicati in seguito fossero presenti servizi gestiti da terzi, questi potrebbero – in aggiunta a quanto specificato ed anche all’insaputa del Titolare – compiere attività di tracciamento dell’Utente. Per informazioni dettagliate in merito, si consiglia di consultare le privacy policy dei servizi elencati.

  • Commento dei contenuti
  • Interazione con social network e piattaforme esterne (Facebook, Instagram, Pinterest, Google+, Twitter, LinkedIn, altri simili…)
  • Pubblicità
  • Remarketing e Behavioral Targeting
  • Statistica

Widget

Questo servizio permette di effettuare interazioni con questo spazio online direttamente dalle piattaforme esterne su cui è installato. L’installazione del servizio potrebbe comportare l’ulteriore installazione di strumenti di Google Analytics con IP anonimizzato. Per ulteriori informazioni in merito a Google Analytics si rinvia all’apposita sezione del presente documento.

Utilizzo da parte di minori

Gli Utenti dichiarano di essere maggiorenni secondo la legislazione loro applicabile. I minorenni possono utilizzare questo spazio online solo con l’assistenza di un genitore o di un tutore.

Come posso controllare l'installazione di Cookie?

In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l'Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all'interno del proprio browser (sistema di navigazione web) ed impedire – ad esempio – che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all'installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe (in alcuni casi) essere compromesso. Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti indirizzi: Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari and Microsoft Windows Edge, Opera.
In caso di servizi erogati da terze parti, l'Utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di Opt-Out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa.
Fermo restando quanto precede, il Titolare informa che l’Utente può avvalersi di Your Online Choices. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. Il Titolare, pertanto, consiglia agli Utenti di utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.

Titolare del Trattamento dei Dati

  • Giuseppe Albrizio
  • Via Vicoletto n 4 - 02015 Cittaducale - (RI)
  • LBRGPP55D04B077T
  • giusalbrizio@libero.it
  • Configurazione e implementazione della rilevazione statistica, con il sistema di Google Analytics, degli accessi al sito web:

Dal momento che l'installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all'interno di questo spazio online non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.

Incaricato del trattamento dei dati

Il Titolare del Trattamento dei dati incarica il Sig. Carrozzini Giorgio (webmaster), con sede legale in Via Umberto Giordano 70, 00124 Roma, Cod. Fisc. CRRGRG72L05H501C per le seguenti funzioni:

  • Gestione della rilevazione e manipolazione dei dati di navigazione tramite la piattaforma “Google Analytics” per ottenere informazioni sul comportamento di navigazione degli utenti.
  • Visualizzazione dei formulari, dei moduli di contatti compilati all’interno delle pagine dello sito web sopra citato al fine di porre in atto il controllo del corretto funzionamento del sito.

L’incaricato non è autorizzato a trasmettere o vendere a terzi, manipolare i dati personali, né a renderli pubblici. L’incaricato si impegna a proteggerne la riservatezza nell’ambito dello svolgimento delle sue funzioni quale amministratore del sito web e limitatamente alle condizioni contrattualizzate con il Titolare del sito web.

Durata della conservazione dei dati di Google Analytics

Il Titolare del Trattamento dei dati conserverà i dati di navigazione per un tempo indefinito e questi non avranno mai scadenza.

Conclusioni

Vista l'oggettiva complessità legata all'identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l'Utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all'utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi – ad esempio ad opera di terzi – effettuati tramite questo sito.
Il presente documento si riferisce a tutti gli spazi online (siti, piattaforme, strumenti internet, etc) di proprietà del Titolare.

Per ottenere ulteriori informazioni in merito agli strumenti relativi ad uno specifico spazio, l’Utente è pregato di contattare il Titolare ai riferimenti forniti nel presente documento.

Ultima modifica: 30 Aprile 2018

Copyright © 2014. Tutti i Diritti Riservati / All Rights Reserved - Giuseppe Albrizio