Le Mie Passeggiate

il sito di Giuseppe Albrizio

Appennino oltre i 2000 metri

Monte Amaro; dal Rifugio Bruno Pomilio per i Tre Portoni

Monte Amaro    

dal Rifugio Bruno Pomilio per i Tre Portoni

Introduzione:
Cartina di riferimento “CARTA DEI SENTIERI - GRUPPO DELLA MAJELLA - CLUB ALPINO ITALIANO - Sezione di Chieti - scala 1:25.000”

Attenzione; molti sentieri segnati sulla cartina non corrispondono a quelli reali sul campo.

un'altra escursione da vedere è la seguente: Monte Amaro per la Fonte di Nunzio

Nota 1:
escursione fatta il 4 Agosto 2013
ascesa 1200 m (solo andata)
tempo di salita 4 ore
Km percorsi 13,3 (solo andata)
ascesa ritorno (stessa via) 350 m
tempo 3,30 ore

(le foto dal numero 047 al numero 076 si riferiscono ad un'escursione fatta il giorno 28 Settembre 2014)

La base di partenza è il Rifugio Bruno Pomilio 1895 m, posto alla fine della strada che porta alla zona sciistica della Majelletta.
L'accesso al Rifugio non è difficile in quanto la località è una stazione di sport invernali molto nota.
Dall’autostrata A25 Roma-Pescara si esce al casello Alanno-Scafa e si seguono le indicazioni per Lettomanoppello e poi per il Passo Lanciano, dal valico si seguono le indicazioni, a destra, per il Blockhaus e la Majelletta giungendo presso il Rifugio Bruno Pomilio dove si parcheggia.
Nota 2:
Fino a poco tempo fa si poteva continuare in auto fino al piazzale del Blockhaus 2070 m (circa), dove c’è un altare votivo dedicato alla Madonna, ma con l’istituzione del Parco Nazionale della Majella è stato deciso di chiudere al traffico l’ultimo tratto della strada complicando, e non poco, la passeggiata all’escursionista che vuole raggiungere le vette più alte della Majella.
Ora, al già lungo percorso per raggiungere le cime più alte bisogna sommare, tra andata e ritorno, altre 2 ore con 200 metri di dislivello e una distanza di 6 Km.
Descrizione:
Parcheggiata l’auto presso il Rifugio Bruno Pomilio (attualmente chiuso, vedi nota 5) si percorre a piedi l’ultimo tratto della strada asfaltata fino al piazzale del Blockhaus, 2070 m, dove c’è un altare votivo dedicato alla Madonna.

Ottima vista sulla catena del Gran Sasso e su gran parte del massiccio della Majella (ascesa 175 m, tempo 30 minuti).
Si lascia l’altare a sinistra e appena superate alcune tabelle escursionistiche, tra cui una della Forestale, si segue un sentiero segnato con vernice bianco-rossa e lettera P.
La via aggira il Monte Blockhaus dal versante Ovest; percorsi pochi metri subito si è ad una biforcazione, si va a destra in leggera discesa.
Dopo un ampio giro in senso antiorario, passando tra i pini mughi, si raggiunge la sella di quota 2074 m tra il Monte Blockhaus e il Monte Cavallo, bel panorama sulla costa adriatica (ascesa 25 m, tempo 15 minuti).
Si continua a sinistra della cresta prima in salita (si passa poco sotto la cima di Monte Cavallo) poi in netta discesa (trascurando a destra una deviazione che porta alla Tavola dei Briganti) e si raggiunge la Sella Acquaviva dove si trova una fonte, 2100 m (ascesa 50 m, tempo 40 minuti).
Si riparte in salita in direzione Sud seguendo il crinale tra alti pini mughi, ghiaie e ancora pini mughi. Superati circa 150 m di dislivello si giunge ad un bivio (a sinistra, con salita a mezza costa, si va verso il Bivacco Fusco, 2455 m, non visibile dal versante dove ci troviamo). Si prosegue dritti risalendo la ripida dorsale Nord del Monte Focalone, direttissima molto panoramica, passando tra ghiaie, roccette, prato scosceso e ancora ghiaie fino a raggiungere la vetta 2676 m (ascesa 580 m, tempo 1,15 ore).
Si piega a Sud-Ovest attraversando un pianoro arido e pietroso (paesaggio lunare) e si giunge in un posto spettacolare; sono davanti a noi il Primo Portone, Secondo Portone, Terzo Portone, Cima Pomilio, Monte San Angelo, Monte Rotondo, Monte Pesco Falcone, Rifugio Manzini e il puntino rosso del Bivacco Pelino in cima al Monte Amaro.
Si scende a toccare la massima depressione del Primo Portone 2568 m e si risale dall’altra parte fino alla Cima Pomilio 2656 m (ascesa 90 m, tempo 25 minuti).
Si cambia direzione (Ovest) e si scende fino alla sella del Secondo Portone 2566 m, si prosegue a mezza costa in discesa fino alla sella del Terzo Portone 2560 m, ancora avanti si sale ripidamente su un sentiero che rimane a sinistra della cresta e, infine, un canalino (vedi nota 3) che porta sul pianoro del Monte Tre Portoni e sulla sua cima segnata da omini di pietra, 2673 m (ascesa 120 m, tempo 40 minuti).
Nota 3:
Pochi metri prima di risalire il canalino il sentiero si biforca, quello di sinistra passa accanto ad una cavità (si trova a destra della via, una decina di metri dopo averla imboccata) chiamata Grotta dei Tre Portoni o Pozzo De Gasperi, quota 2640 m. Superato l’ingresso la via traversa sotto i salti di roccia del Monte Tre Portoni fino ad una sella oltre la quale si ricollega al sentiero che stiamo percorrendo.
Toccato il punto più alto del Monte Tre Portoni si scende fino alla sella citata nella nota 3 e poi si attraversa l’altopiano verso destra (Ovest) aggirando una grossa dolina che si tiene a sinistra (Pozzo di Monte Amaro, 2588 m, che conserva la neve anche d’estate).
Qui la segnaletica non è sempre evidente, fare attenzione in caso di nebbia.
Raggiunta l’ampia dorsale Nord dell’Amaro la si risale in direzione Sud, bella la vista sul Monte Morrone, fino a raggiungere la Croce di vetta e il grosso segnale trigonometrico, 2793 m (ascesa 170 m, tempo 35 minuti, Km 13,3). Poco più in basso si trova il caratteristico Bivacco Pelino (vedi nota 4).

Per il ritorno si percorre la via d'andata con un tempo di 3,30 ore e ascesa 350 m
Nota 4:
il Bivacco Mario Pelino è stato costruito nel 1981 dalla Sezione CAI di Sulmona.
A sinistra si notano dei ruderi testimoni di altri ricoveri qui esistiti:
Rifugio Vittorio Emanuele II, edificato in pietra nel 1890 dalla Sezione del CAI di Roma e distrutto da un bombardamento aereo nel 1944 e Bivacco metallico Falco Maiorano costruito nel 1965 dalla Sezione CAI di Chieti e distrutto da una bufera nel 1974.

Nota 5: il Rifugio Bruno Pomilio dal 2015 è stato riaperto grazie ad una nuova gestione 

001- la Majelletta, vista del Rifugio Bruno Pomilio

001 

002 - il piazzale del Blockhaus con l’altare votivo dedicato alla Madonna

002 

003 - aggirando il Monte Blockhaus da Ovest, vista del Monte Morrone e, sulla destra, il Monte Sirente

003 

004 - la cresta con i pini mughi che porta sul Monte Cavallo

004 

005 - scendendo verso la Sella Acquaviva, in fondo il Monte Focalone

005 

006 - salendo dalla Sella Acquaviva sul Monte Focalone

006 

007 - la ripida dorsale Nord del Monte Focalone, direttissima molto panoramica, si passa tra ghiaie,

roccette, prato scosceso e ancora ghiaie

007 

008 - dalla dorsale Nord del Monte Focalone, uno sguardo indietro: vista della Majelletta e della via

appena percorsa

008 

009 - paesaggio lunare, la Cima delle Murelle

009 

010 - l’ultimo tratto prima della vetta del Focalone

010 

011 - Monte Focalone 2676 m

011 

012 - il Primo e il Secondo Portone, in fondo il Monte Amaro

012 

013 - verso la sella del Primo Portone, 2568 m, da sinistra: il Monte San Angelo, la Cima Pomilio e,

in fondo, il Monte Amaro

013 

014 - dal Primo Portone, uno sguardo verso Est; la Valle delle Mandrelle

014 

015 - il Secondo e Terzo Portone; a sinistra il Monte Tre Portoni, 2673 m, al centro il Monte

Pesco Falcone 2657 m, a destra il Monte Rotondo 2658 m

015 

016 - l’anfiteatro della Valle Cannella e il Monte Amaro

016 

017 - dalla sella del Secondo Portone, 2566 m, uno sguardo a Nord; vista della Valle di Macchialunga e,

in fondo, la Majelletta (la nostra base di partenza)

017 

018 - la sella del Terzo Portone, 2560 m, e il Monte Tre Portoni 2673 m

018 

019 - dalla sella del Terzo Portone, 2560 m, uno sguardo a Nord, la Rava del Diavolo

019 

020 - dal Terzo Portone, il Rifugio Manzini 2523 m e il Mone Amaro

020 

021 - i salti di roccia del Monte Tre Portoni e a destra il facile canalino da risalire

021 

022 - i salti di roccia del Monte Tre Portoni e il Monte Amaro

022 

023 - Camosci sul Monte Tre Portoni

023 

024 - la grotta dei Tre Portoni o Pozzo De Gasperi

…Pochi metri prima di risalire il canalino il sentiero si biforca, quello di sinistra passa accanto ad una

cavità (si trova a destra della via, una decina di metri dopo averla imboccata) chiamata Grotta dei

Tre Portoni o Pozzo De Gasperi, quota 2640 m. Superato l’ingresso la via traversa sotto i salti di roccia

del Monte Tre Portoni fino ad una sella oltre la quale si ricollega al sentiero che stiamo percorrendo….

024 

025 - la Valle Cannella; a sinistra si nota Monte San Angelo, 2669 m, e in fondo a destra, la Cima

dell’Altare 2542 m

025 

026 - dal Monte Tre Portoni vista del Terzo, Secondo e Primo Portone; in fondo il Monte Acquaviva 2737 m

026 

027 - Monte Tre Portoni 2673 m, in fondo il Monte Amaro

027 

028 - il Rifugio Manzini, 2523m, la Valle Cannella e, in fondo a destra, la Cima dell’Altare 2542 m

028 

029 - la grande dolina tra il Monte Tre Portoni e il Monte Amaro; Pozzo di Monte Amaro 2588 m

029 

030 - particolare del Pozzo di Monte Amaro, 2588 m, la neve, di solito, non si scioglie mai

030 

031 - salendo sul Monte Amaro, uno sguardo indietro; la dolina appena superata, il Monte Tre Portoni e,

in fondo a destra, il Monte Acquaviva

031 

032 - sulla dorsale Nord del Monte Amaro, stupenda veduta ad Ovest sul Monte Morrone e, in fondo,

il gruppo Velino-Sirente

032 

033 - la dorsale Nord del Monte Amaro

033 

034 - la dorsale Nord del Monte Amaro tra prato e sassi

034 

035 - si inizia a vedere il Bivacco Pelino, la Croce e il punto trigonometrico di vetta

035 

036 - il grosso punto trigonometrico e la Croce di vetta

036 

037 - la Croce di vetta, 2793 m, e la Valle di Femmina Morta

037 

038 - Monte Amaro 2793 m

038 

038a - Croce di Monte Amaro 2793 m, dietro la Valle di Femmina Morta

038a

039 - il Bivacco Mario Pelino e, a sinistra, i resti degli antichi ricoveri qui esistiti, vedi Nota 4 nella

descrizione della salita

039 

040 - particolare dei resti degli antichi ricoveri in vetta al Monte Amaro, vedi Nota 4 nella descrizione

della salita

040

041 - il grosso punto trigonometrico di vetta, 2793 m, e, in fondo, il gruppo del Gran Sasso

041 

042 - particolare della Croce e punto trigonometrico di vetta, 2793 m

042 

043 - un gruppo di cordiali escursionisti in vetta al Monte Amaro

043 

044 - il punto d’atterraggio di eventuali elicotteri

044 

045 - curiosando nel rifugio

045 

046 - il riposo prima del ritorno  

046 

le foto dal numero 047 al numero 076 si riferisconoad un'escursione fatta

il giorno 28 Settembre 2014

   

047 - uno sguardo tra i pini mughi; il Monte Cavallo e la Majelletta

047

048 - sul Monte Focalone, quota 2676 m

048 

049 - la nebbia cerca di entrare nella Valle delle Mandrelle

049 

050 - il Monte Tre Portoni, quota 2673 m

050 

051 - la nebbia ci prova ad entrare anche dalla Valle Cannella

051 

052 - i Tre Portoni

052 

053 - assurdo cartello di divieto di caccia (ce ne sono altri) a 2700 m di altezza

053 

054 - Monte Amaro 2793 m, da sinistra Maurizio Franciosi, Giuseppe Albrizio,

Francesco Laurenzi, Filippo Patelli, Nicola Polcino

054

055 - Monte Amaro 2793 m, da sinistra in piedi, Filippo Patelli, Maurizio Franciosi, Giuseppe Albrizio,

Francesco Laurenzi, seduto, Nicola Polcino

055

056 - Monte Amaro 2793 m, sopra un mare di nebbia

056

057 - dal Bivacco Pelino

057

058 - nel Bivacco Pelino

058

059 - in fondo la Valle di Femmina Morta

059

060 - Monte Amaro 2793 m

060

061 - il Monte Amaro caratterizzato dal Bivacco Pelino, il punto trigonometrico (grossa colonna triangolare) e

la Croce

061

062 - Pozzo di Monte Amaro, quota 2595 m, grossa dolina dove c’è un nevaio perenne

062 

063 - Grotta dei Tre Portoni o Pozzo De Gasperi, quota 2620 m

063

064 - pietra scolpita ritrovata dopo 21 anni vicino alla massima depressione del Primo Portone,

quota 2568 m (vedi foto numero 065), nel 1993 la pietra era intera

064

065 - Primo Portone, sulla pietra è incisa la seguente frase: “Giovanni Venditti di Capracotta, di Rafarele sono

stato pastore, dal 1893 sino al 1899” foto scattata il 18 Settembre 1993, nelle successive ricognizioni la pietra

scolpita non l'ho più trovata.

Durante l’escursione del 28 Settembre 2014 ne ho ritrovato una parte (vedi foto numero 064)

065

066 - il Bivacco Fusco, 2455 m e la Cima delle Murelle, 2596 m

066

067 - la Fonte Ghiacciata realizzata nell’anno 2013 a quota 2370 m, si trova lungo il sentiero che dalla

Fonte Acquaviva porta al Bivacco Fusco

067

068 - tra i pini mughi della Tavola dei Briganti, quota 2110 m

068

069 - sulla Tavola dei Briganti 2110 m

069

070 - Blockhaus

070 

071 - il fortino (ruderi) del Blockhaus al tramonto 2142 m

071

072 - la Croce del Blockhaus

072

073 - il tramonto dal Blockhaus

073 

074 - il tramonto tra i pini mughi

074 

075 - il Gruppo del Gran Sasso visto al tramonto, un’isola fuori dalla nebbia

075 

076 - discesa dal Blockhaus

076

 

 

 

 

 
 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa sui Cookie

Cosa sono i Cookie e la loro definizione

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, potrebbero necessitare del consenso dell'Utente.

Cookie tecnici e di statistica aggregata

I Cookie tecnici hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al funzionamento di questo spazio online. I Cookie tecnici utilizzati dal Titolare possono essere suddivisi nelle seguenti sottocategorie:

Cookie di navigazione, per mezzo dei quali si possono salvare le preferenze di navigazione ed ottimizzare l’esperienza di navigazione dell’Utente;

Cookie così detti “analytics”, per mezzo dei quali si acquisiscono informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima;

Cookie di funzionalità, anche di terze parti, utilizzati per attivare specifiche funzionalità di questo spazio online e necessari ad erogare il servizio o migliorarlo.

Tali Cookie non necessitano del preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.

Altre tipologie di Cookie o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo

Alcuni dei servizi elencati di seguito potrebbero non richiedere il consenso dell'Utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal titolare – a seconda di quanto descritto – senza l'ausilio di terzi.
Qualora fra gli strumenti indicati in seguito fossero presenti servizi gestiti da terzi, questi potrebbero – in aggiunta a quanto specificato ed anche all’insaputa del Titolare – compiere attività di tracciamento dell’Utente. Per informazioni dettagliate in merito, si consiglia di consultare le privacy policy dei servizi elencati.

  • Commento dei contenuti
  • Interazione con social network e piattaforme esterne (Facebook, Instagram, Pinterest, Google+, Twitter, LinkedIn, altri simili…)
  • Pubblicità
  • Remarketing e Behavioral Targeting
  • Statistica

Widget

Questo servizio permette di effettuare interazioni con questo spazio online direttamente dalle piattaforme esterne su cui è installato. L’installazione del servizio potrebbe comportare l’ulteriore installazione di strumenti di Google Analytics con IP anonimizzato. Per ulteriori informazioni in merito a Google Analytics si rinvia all’apposita sezione del presente documento.

Utilizzo da parte di minori

Gli Utenti dichiarano di essere maggiorenni secondo la legislazione loro applicabile. I minorenni possono utilizzare questo spazio online solo con l’assistenza di un genitore o di un tutore.

Come posso controllare l'installazione di Cookie?

In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l'Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all'interno del proprio browser (sistema di navigazione web) ed impedire – ad esempio – che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all'installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe (in alcuni casi) essere compromesso. Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti indirizzi: Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari and Microsoft Windows Edge, Opera.
In caso di servizi erogati da terze parti, l'Utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di Opt-Out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa.
Fermo restando quanto precede, il Titolare informa che l’Utente può avvalersi di Your Online Choices. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. Il Titolare, pertanto, consiglia agli Utenti di utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.

Titolare del Trattamento dei Dati

  • Giuseppe Albrizio
  • Via Vicoletto n 4 - 02015 Cittaducale - (RI)
  • LBRGPP55D04B077T
  • giusalbrizio@libero.it
  • Configurazione e implementazione della rilevazione statistica, con il sistema di Google Analytics, degli accessi al sito web:

Dal momento che l'installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all'interno di questo spazio online non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.

Incaricato del trattamento dei dati

Il Titolare del Trattamento dei dati incarica il Sig. Carrozzini Giorgio (webmaster), con sede legale in Via Umberto Giordano 70, 00124 Roma, Cod. Fisc. CRRGRG72L05H501C per le seguenti funzioni:

  • Gestione della rilevazione e manipolazione dei dati di navigazione tramite la piattaforma “Google Analytics” per ottenere informazioni sul comportamento di navigazione degli utenti.
  • Visualizzazione dei formulari, dei moduli di contatti compilati all’interno delle pagine dello sito web sopra citato al fine di porre in atto il controllo del corretto funzionamento del sito.

L’incaricato non è autorizzato a trasmettere o vendere a terzi, manipolare i dati personali, né a renderli pubblici. L’incaricato si impegna a proteggerne la riservatezza nell’ambito dello svolgimento delle sue funzioni quale amministratore del sito web e limitatamente alle condizioni contrattualizzate con il Titolare del sito web.

Durata della conservazione dei dati di Google Analytics

Il Titolare del Trattamento dei dati conserverà i dati di navigazione per un tempo indefinito e questi non avranno mai scadenza.

Conclusioni

Vista l'oggettiva complessità legata all'identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l'Utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all'utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi – ad esempio ad opera di terzi – effettuati tramite questo sito.
Il presente documento si riferisce a tutti gli spazi online (siti, piattaforme, strumenti internet, etc) di proprietà del Titolare.

Per ottenere ulteriori informazioni in merito agli strumenti relativi ad uno specifico spazio, l’Utente è pregato di contattare il Titolare ai riferimenti forniti nel presente documento.

Ultima modifica: 30 Aprile 2018

Copyright © 2014. Tutti i Diritti Riservati / All Rights Reserved - Giuseppe Albrizio