Le Mie Passeggiate

il sito di Giuseppe Albrizio

Percorsi vari

Cozzo del Pellegrino - la Calvia

Cozzo del Pellegrino - la Calvia

giro ad anello

dal Rifugio Piano di Lanzo (San Donato di Ninea-Cosenza)

Introduzione:

I Monti dell’Orsomarso, cime sconosciute alla maggior parte degli escursionisti, fanno parte del Parco Nazionale del Pollino e sono separati fisicamente da questi dalla Piana di Campotenese.

Montagne maestose ricoperte da un manto boscoso che arriva a lambire le vette più alte che superano i 1900 metri di altezza; dall’alto si domina la costa tirrenica, la costa ionica, i monti della Basilicata, della Campania e Calabresi.

IL sentiero è segnato molto bene con i colori bianco-rosso

Esplorazione effettuata a Giugno 2019

Tempi e dislivelli:

tempo totale del giro: 5 ore (compreso soste) - ascesa 800 m - Km 12 circa - Traccia GPX

tempo di salita fino al Cozzo del Pellegrino: 2,30 ore - ascesa 750 m - Km 5 circa

tempo di ritorno: 2 ore - ascesa 50 m - Km 7

cartina da consultare: IGM 1:25.000 221 III SO (San Donato di Ninea)

Percorso auto:

Dall’autostrada A3 Salerno/Reggio Calabria si esce al casello di Altomonte e si seguono le indicazioni per Altomonte-San Donato di Ninea.  Al bivio, dopo aver percorso circa 8 Km, si trascura l’indicazione a destra per Altomonte  e si prende a sinistra;  subito dopo, al successivo incrocio, si va a destra seguendo la segnaletica per San Donato di Ninea.

Raggiunto il paese lo si attraversa tutto, strada in ripida salita e stretta, all’uscita a monte del borgo la carreggiata ritorna larga e ci sono le indicazioni per la strada di montagna asfaltata che conduce al Rifugio Piano di Lanzo, quota 1351 m.  

Itinerario:

Parcheggiata l’auto presso il Rifugio  (attualmente in ristrutturazione, vicino c’è un fontanile con ottima acqua potabile) a piedi si torna indietro per un centinaio di metri lungo la strada appena percorsa e si imbocca a sinistra, Nord, un sentiero che sale dritto e ripido nel bosco fino ad uscire sul vero Piano di Lanzo, quota 1400 m. Qui passa una strada sterrata e di fronte si nota una grande statua sacra “la Beata Vergine Maria del Pellegrino”; poco più in alto, dietro la statua, si trova una Croce di ferro.

Guardando la statua davanti, si segue la sterrata di sinistra, Nord-Ovest, e si entra subito nel bosco caratterizzato da una faggeta d’alto fusto; ad una biforcazione prendere a destra, i segni bianco-rosso sono posizionati bene e sono “rassicuranti”.

Percorsi circa 2,7 Km dalla partenza si esce su una radura ricoperta da erba e da un manto di felci; di fronte si nota la boscosa cima del Cozzo di Valle Scura. Prima di uscire allo scoperto si rimane nel bosco e si sale a destra fino a monte del prato dove c’è una sella chiamata “la Cresta”, quota 1560 m, un valico che separa la Calvia dal Cozzo del Pellegrino ed è posta proprio sullo spartiacque.

Ora si cambia direzione, incominciando a salire ripidamente il versante Sud-Ovest della Calvia, la nostra direzione, naturalmente, è Nord-Est. La macchia è sempre d’alto fusto, si segue un ripido canalone coperto da foglie secche, poi ci si sposta a destra sul suo bordo sinistro (senso orografico), si esce su una radura rocciosa e panoramica, si rientra nel bosco e man mano che si sale i faggi si fanno sempre più contorti e bassi per difendersi dalla furia delle tempeste.

I segni CAI non ci abbandonano mai e ci facilitano notevolmente la salita, all’improvviso ci troviamo sulla panoramica vetta della Calvia 1910 m (dal Rifugio: 2 ore - ascesa 600 m - Km 3,8).

Si prosegue sempre nella stessa direzione scendendo ad una sella e districandosi tra i faggi che sono molto contorti, si risale dall’altra parte rimanendo sempre nel bosco ed infine si esce su un crinale che a sinistra precipita con pareti verticali. Facendo un po’ di attenzione, si guadagna la vetta del Cozzo del Pellegrino, quota 1987 m, passando lungo una facile cresta delimitata a sinistra dai salti di roccia e a destra dal bosco (dalla Calvia: 35 minuti - ascesa 150 m - Km 1).

Per tornare al Rifugio si prosegue lungo la cresta in direzione Est per poi scendere a sinistra, a mezza costa, cercando di puntare alla radura più a destra della Valle Lupa (ci sono sempre i segni del CAI che ci accompagnano). Raggiunto il prato a quota 1800 m si nota sull’erba la traccia formata dalle jeep che percorrono questi luoghi, bisogna seguirla a destra.

Alla fine della radura la traccia si fa più evidente e diviene una sterrata, si entra nuovamente nel bosco di faggio d’alto fusto e subito a sinistra, quota 1790 m, si trova una dolina dove ancora c’è neve. La via ruota lentamente in senso orario da Est a Sud e scende verso il Piano Pulledro raggiungendo una sterrata più ampia, quota 1550 m.

Si prende a destra e si scende con una larga curva a serpentina fino ad entrare nella testa del Vallone San Donato delimitato a Nord-Ovest dai salti di roccia del Piano di Rose.

A quota 1470 m si lascia la sterrata, si attraversa il fosso e si prende un sentiero segnato, in direzione Sud-Ovest, che, nonostante entra nel bosco d’alto fusto è coperto da un tappeto di felci, rovi e rami secchi dall’apparenza impraticabili. Senza problemi, grazie ai segni CAI, si passa accanto alla località Acqua Marchesani, si aggirano tutti i salti di roccia del Piano di Rose (non visibili perché nascosti dalla fitta vegetazione) e si esce, infine, su una sterrata che presa a destra ci porta di fronte alla statua sacra della Beata Vergine.

Qui si chiude il giro ad anello, in pochi minuti si scende presso il Rifugio Piano di Lanzo (tempo dal Cozzo del Pellegrino: 2 ore - ascesa 50 m - Km 7 circa).

cartina

cartina la Calvia-Cozzo del Pellegrino

001 - Rifugio Piano di Lanzo (San Donato di Ninea-Cosenza)

001

002 - il fontanile nei pressi del Rifugio Piano di Lanzo

002

003 - un’edicola sacra sul Piano di Lanzo

003

004 - particolare dell’edicola sacra dedicata al Patrono del Corpo Forestale

dello Stato, San Giovanni Gualberto

004

005 - …a piedi si torna indietro per un centinaio di metri lungo la strada

appena percorsa e si imbocca a sinistra, Nord, un sentiero che sale dritto e

ripido nel bosco fino…

005

006 - …sul vero Piano di Lanzo, quota 1400 m. Qui passa una strada sterrata e 

di fronte si nota una grande statua sacra “la Beata Vergine Maria del Pellegrino”…

006

007 - …poco più in alto, dietro la statua, si trova una Croce di ferro…

007

008 - la sterrata da seguire

008

009 - …si esce su una radura ricoperta da erba e da un manto di felci; di fronte

si nota la boscosa cima del Cozzo di Valle Scura…

009

010 - la salita nel bosco

010

011 -… si segue un ripido canalone coperto da foglie secche, poi ci si sposta a

destra sul suo bordo sinistro (senso orografico)…

011

012 - monti ricoperti da un verde intenso

012

013 - uno sguardo verso la Mula 1935 m

013

014 - uno sguardo verso la Mula salendo sul Monte la Calvia

014

015 - uno sguardo verso il Mar Tirreno

015

016 - uno sguardo verso la mula salendo sempre più in alto verso la Calvia

016

017 - uno sguardo sempre più ampio verso il mare

017

018 - dal Monte la Calvia 1910 m

018

019 - il Monte la Calvia e il Cozzo del Pellegrino

019

020 - …Si prosegue sempre nella stessa direzione scendendo ad una sella e

districandosi tra i faggi che sono molto contorti…

020

021 - la parete Ovest del Cozzo del Pellegrino

021

022 - tra la Calvia ed il Cozzo del Pellegrino, pareti a strapiombo verso il mare

022

023 - uno sguardo dal Cozzo del Pellegrino verso la Mula

023

024 - la vetta del Cozzo del Pellegrino 1987 m

024

025 - la Valle Lupa vista dal Cozzo del Pellegrino

025

026 -… Raggiunto il prato a quota 1800 m si nota sull’erba la traccia formata

dalle jeep che percorrono questi luoghi, bisogna seguirla a destra…

026

027 - quota 1790 m, una dolina con neve

027

028 - un daino

028

029 - la traccia sull’erba diviene una sterrata

029

030 -… La via ruota lentamente in senso orario da Est a Sud e scende verso il

Piano Pulledro raggiungendo una sterrata più ampia, quota 1550 m…

030

031 - testa del Vallone San Donato

031

032 -…A quota 1470 m si lascia la sterrata, si attraversa il fosso e si prende un

sentiero segnato, in direzione Sud-Ovest, che, nonostante entra nel bosco

d’alto fusto è coperto da un tappeto di felci, rovi e rami secchi…

032

033 - i salti di roccia del Piano di Rose

033

034 - il sentiero passa tra le felci

034 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa sui Cookie

Cosa sono i Cookie e la loro definizione

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, potrebbero necessitare del consenso dell'Utente.

Cookie tecnici e di statistica aggregata

I Cookie tecnici hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al funzionamento di questo spazio online. I Cookie tecnici utilizzati dal Titolare possono essere suddivisi nelle seguenti sottocategorie:

Cookie di navigazione, per mezzo dei quali si possono salvare le preferenze di navigazione ed ottimizzare l’esperienza di navigazione dell’Utente;

Cookie così detti “analytics”, per mezzo dei quali si acquisiscono informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima;

Cookie di funzionalità, anche di terze parti, utilizzati per attivare specifiche funzionalità di questo spazio online e necessari ad erogare il servizio o migliorarlo.

Tali Cookie non necessitano del preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.

Altre tipologie di Cookie o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo

Alcuni dei servizi elencati di seguito potrebbero non richiedere il consenso dell'Utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal titolare – a seconda di quanto descritto – senza l'ausilio di terzi.
Qualora fra gli strumenti indicati in seguito fossero presenti servizi gestiti da terzi, questi potrebbero – in aggiunta a quanto specificato ed anche all’insaputa del Titolare – compiere attività di tracciamento dell’Utente. Per informazioni dettagliate in merito, si consiglia di consultare le privacy policy dei servizi elencati.

  • Commento dei contenuti
  • Interazione con social network e piattaforme esterne (Facebook, Instagram, Pinterest, Google+, Twitter, LinkedIn, altri simili…)
  • Pubblicità
  • Remarketing e Behavioral Targeting
  • Statistica

Widget

Questo servizio permette di effettuare interazioni con questo spazio online direttamente dalle piattaforme esterne su cui è installato. L’installazione del servizio potrebbe comportare l’ulteriore installazione di strumenti di Google Analytics con IP anonimizzato. Per ulteriori informazioni in merito a Google Analytics si rinvia all’apposita sezione del presente documento.

Utilizzo da parte di minori

Gli Utenti dichiarano di essere maggiorenni secondo la legislazione loro applicabile. I minorenni possono utilizzare questo spazio online solo con l’assistenza di un genitore o di un tutore.

Come posso controllare l'installazione di Cookie?

In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l'Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all'interno del proprio browser (sistema di navigazione web) ed impedire – ad esempio – che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all'installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe (in alcuni casi) essere compromesso. Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti indirizzi: Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari and Microsoft Windows Edge, Opera.
In caso di servizi erogati da terze parti, l'Utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di Opt-Out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa.
Fermo restando quanto precede, il Titolare informa che l’Utente può avvalersi di Your Online Choices. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. Il Titolare, pertanto, consiglia agli Utenti di utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.

Titolare del Trattamento dei Dati

  • Giuseppe Albrizio
  • Via Vicoletto n 4 - 02015 Cittaducale - (RI)
  • LBRGPP55D04B077T
  • giusalbrizio@libero.it
  • Configurazione e implementazione della rilevazione statistica, con il sistema di Google Analytics, degli accessi al sito web:

Dal momento che l'installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all'interno di questo spazio online non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.

Incaricato del trattamento dei dati

Il Titolare del Trattamento dei dati incarica il Sig. Carrozzini Giorgio (webmaster), con sede legale in Via Umberto Giordano 70, 00124 Roma, Cod. Fisc. CRRGRG72L05H501C per le seguenti funzioni:

  • Gestione della rilevazione e manipolazione dei dati di navigazione tramite la piattaforma “Google Analytics” per ottenere informazioni sul comportamento di navigazione degli utenti.
  • Visualizzazione dei formulari, dei moduli di contatti compilati all’interno delle pagine dello sito web sopra citato al fine di porre in atto il controllo del corretto funzionamento del sito.

L’incaricato non è autorizzato a trasmettere o vendere a terzi, manipolare i dati personali, né a renderli pubblici. L’incaricato si impegna a proteggerne la riservatezza nell’ambito dello svolgimento delle sue funzioni quale amministratore del sito web e limitatamente alle condizioni contrattualizzate con il Titolare del sito web.

Durata della conservazione dei dati di Google Analytics

Il Titolare del Trattamento dei dati conserverà i dati di navigazione per un tempo indefinito e questi non avranno mai scadenza.

Conclusioni

Vista l'oggettiva complessità legata all'identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l'Utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all'utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi – ad esempio ad opera di terzi – effettuati tramite questo sito.
Il presente documento si riferisce a tutti gli spazi online (siti, piattaforme, strumenti internet, etc) di proprietà del Titolare.

Per ottenere ulteriori informazioni in merito agli strumenti relativi ad uno specifico spazio, l’Utente è pregato di contattare il Titolare ai riferimenti forniti nel presente documento.

Ultima modifica: 30 Aprile 2018

Copyright © 2014. Tutti i Diritti Riservati / All Rights Reserved - Giuseppe Albrizio