Le Mie Passeggiate

il sito di Giuseppe Albrizio

Appennino oltre i 2000 metri

Monte Rapina, Monte Pescofalcone; da Caramanico Terme per la frazione San Nicolào e Guado San Antonio

Monte Rapina, Monte Pescofalcone

da Caramanico Terme per la frazione San Nicolào e Guado San Antonio

Introduzione:

Gli itinerari che salgono sulle cime più alte della Majella, da qualsiasi versante si parte, sono tutti lunghi e faticosi, anche questa salita non fa eccezione.

Dal Rifugio Paolo Barrasso al Monte Rapina e da quota 2200 m a 2450 m circa data la mancanza di un vero sentiero segnato se si mette a nebbia (soprattutto al ritorno in discesa) senza punti di riferimento è difficile trovare la via giusta avendo con se cartina e bussola, consiglio di portarsi un GPS in modo da registrare la traccia di salita.

Cartina di riferimento “CARTA DEI SENTIERI - GRUPPO DELLA MAJELLA­ - CLUB ALPINO ITALIANO - Sezione di Chieti - scala 1:25.000” Attenzione; molti sentieri segnati non corrispondono a quelli reali sul campo.

Nota1:

escursione effettuata a Giugno 2010

tempo di salita: 5,45 ore - ascesa 1450 m - Km 8 - Traccia GPX

tempo di discesa stessa via: 3,30 ore - Km 8

altri percorsi:

Rava del Ferro: Monte Pescofalcone-Cima dei Tre Portoni-Cima Pomilio-Monte Sant'Angelo-Monte Rotondo 

Percorso auto:

Dall’Autostrada A24 Roma-L’Aquila-Teramo (per chi proviene da Roma) e poi A25 per Pescara (Strada dei Parchi) si esce al casello di Alanno-Scafa e si seguono le indicazioni per Caramanico Terme.

Superato Caramanico si sale alla frazione di San Nicolào (3,4 Km) e si prosegue su una strada che dopo 2 Km è interrotta al traffico (si incontrano cartelli di divieto di transito), 200 metri prima dell’interruzione a sinistra c’è l’imbocco della stretta strada asfaltata (dal fondo abbastanza buono vedi Nota2) che in 3 Km porta al piccolo spiazzo-parcheggio del Guado San Antonio (quota 1225 m).

Nota2:

ad una ricognizione di Settembre 2018 la stretta strada è ridotta in condizioni pessime. L'asfalto in più punti si è sbriciolato e presenta numerose buche ed avvallamenti da percorrere con estrema cautela. L'erba ha invaso la carreggiata in più punti ai lati e nella parte centrale restringendo di più il passaggio. Meglio percorrerla con un 4x4 

Descrizione:

Dal piazzale partono due sterrate chiuse al traffico; una, direzione Est, scende nella Valle dell’Orfento (vicino la sbarra c’è una grossa tabella di legno), l’altra, direzione Sud, ha l’indicazione per il Rifugio Paolo Barrasso del CAI di Pescara.

Si inizia a salire sulla seconda che attraversa la località Macchialonga e, in breve, porta al Rifugio Guado San Antonio della Forestale, quota 1257 m, dove la carrabile termina.

Il rifugio è costruito in legno, (caratteristico), non si può fare a meno di avvicinarsi per curiosare anche se è chiuso.

Una ventina di metri prima del Rifugio, sulla destra, indicato da una freccia rossa, parte un sentiero, inciso nell’erba alta, che conduce al Rifugio Paolo Barrasso.

Si imbocca la mulattiera e subito si passa accanto ad un fontanile (non indicato su IGM) con ottima acqua (nella ricognizione di Settembre 2018 risulta completamente secco), ai piedi della vasca c’è un grosso cartello che indica la via.

Si sale l’interminabile Prato della Corte seguendo un tracciato ben segnato, il rifugio è visibile dopo aver superato un piccolo costone e risalito la prima parte di una valle.

Raggiunto il ricovero (quota 1542 m, una stanza, con un camino e abbondante riserva di legna, è sempre aperta, l’altra bisogna chiedere le chiavi alla sezione del CAI di Pescara) la traccia sparisce, bisogna salire il costone erboso a monte del Rifugio aggirando da sinistra o da destra un’isolata macchia di faggi o attraversandola, poi, sempre faticosamente e con ottimo panorama sul Monte Morrone, si continua per scoscesi prati fino al crinale a quota 1750 m circa.

Per larga cresta e radi pini mughi si sale su un dosso a quota 1935 m oltre il quale c’è un’ampia conca erbosa, la si attraversa tenendosi sul bordo sinistro della stessa (senso di marcia) e con un ultimo strappo si raggiunge la cima di Monte Rapina 2027 m (2,45 ore – ascesa 800 m).

Ottima visuale sulla Majelletta, Blockhaus, Cavallo e Sella Acquaviva.

Appena oltre la cima il bosco di pini mughi si fa fitto e impenetrabile, per poter proseguire si torna indietro per pochi metri e a quota 2015 m si prende un sentiero, (indicato da un grosso ometto di sassi e paletto di legno) che taglia a mezza costa il versante orientale della montagna entrando in uno stretto corridoio nella mugheta.

Più in alto il sentiero (sempre attraversando la fastidiosa vegetazione), indicato da ometti di pietra e da ormai rari paletti di legno (atterrati o ritti ma instabili perché mal piantati nel terreno) arriva a lambire il letto della valletta sottostante (ampia valle parallela a quella dell’Orfento che si trova più a Est) per poi risalire un prato scosceso (qui il sentiero sparisce) e raggiungere la cresta a monte di due evidenti roccioni, quota 2300 m circa.

L’ultimo tratto richiede molta attenzione perché il sentiero, poco evidente, tende a perdersi tra i pini mughi della dorsale, bisogna seguire gli ometti di sassi. Usciti dalla mugheta si risale il costone largo e pietroso seguendo tracce di sentiero fino a quota 2500 m circa dove il crinale si fa marcato.

Si continua a salire seguendo il sentiero sul fianco destro (ora abbastanza evidente) fino a toccare la Croce dell’anticima Nord, quota 2630 m circa. Ancora avanti, ora su ampissima dorsale, si superano delle caratteristiche doline (in questo periodo, fine Giugno, colme di neve) e si raggiunge la quota di 2646 m da dove compare il Monte Amaro; un altro piccolo sforzo e si giunge sulla vetta del Pescofalcone 2657 m segnata da una targa di bronzo posta dal Corpo Forestale e dal CAI di Pescara. Tempo di salita dal Monte Rapina 3 ore – ascesa 630 m.

Stupenda visuale sui monti più alti del Gruppo della Majella: la Majelletta, Blockhaus, Monte Cavallo, Sella Acquaviva, Monte Focalone, Cima Pomilio, Monte San Angelo, Monte Acquaviva, Monte Amaro.

cartina 1-3

cartina 1-3 Monte Rapina e Monte Pescofalcone

cartina 2-3

cartina 2-3 Monte Rapina e Monte Pescofalcone

cartina 3-3

cartina 3-3 Monte Rapina e Monte Pescofalcone

001 - Caramanico Terme, Pescara, in fondo il Monte Rapina e Monte Pescofalcone, Gruppo della Majella

001

002 - salendo da Caramanico Terme (Pescara) al Guado San Antonio

002

003 - Monte Rapina e Monte Pescofalcone visti dall'imbocco della strada per il Guado San Antonio.

Il bivio si trova 1,8 Km dopo aver superato l’abitato di San Nicolào frazione di Caramanico Terme

003

004 - il parcheggio del Guado S. Antonio, 3 Km dal bivio, quota 1225 m. La strada è stretta ma asfaltata

e dal fondo buono

004

005 - fonte non segnata su IGM, vicino al Rifugio di Guado San Antonio

005

006 - Rifugio della Forestale di Guado San Antonio visto dalla località Macchialonga

006

007 - dal Guado San Antonio al Rifugio Paolo Barrasso risalendo l’interminabile Prato della Corte

007

008 - dal Guado San Antonio al Rifugio Paolo Barrasso per il Prato della Corte. Dietro al Rifugio si nota

la faggeta da aggirare o attraversare per salire verso la cresta che conduce sul Monte Rapina

008

009 - il Rifugio Paolo Barrasso del CAI di Pescara, la prima stanza è sempre aperta ed è fornita di un camino

con un’ottima scorta di legna

009

010 - salendo dal Guado San Antonio al Monte Rapina, poco sopra il Rifugio Paolo Barrasso si inizia

ad avere un’ottima visuale sul Monte Morrone

010

011 - salendo sul Monte Rapina 2027 m per l’interminabile Prato della Corte. Dal Rifugio Paolo Barrasso

il sentiero è inesistente, difficilissimo ritrovare la via se si mette a nebbia causa mancanza di punti di riferimento,

anche avendo con se cartina e bussola, conviene portarsi un GPS.

011

012 - in vista del Monte Rapina 2027 m, in fondo il Monte Pescofalcone 2657 m

012

013 - Teresa sul Monte Rapina 2027 m. Dietro si nota la cresta che porta sul Monte Pescofalcone occupata

da una mugheta all’apparenza impenetrabile.

013

014 - pochi metri prima di salire sulla vetta del Monte Rapina c’è un sentiero indicato da un grosso ometto

di sassi (quota 2015 m) che traversa a mezza costa il versante Est passando tra i pini mughi, scende quasi

a lambire il letto del fosso sottostante e poi risale per un ripido prato uscendo sulla cresta al di la (quota 2300 m)

di due visibilissimi roccioni. Giuseppe presso l'ometto di sassi che indica il punto d'inizio del traverso

014

015 - il sentiero attraversa la fitta boscaglia di pini mughi. Ogni tanto si incontrano delle piccole radure

015

016 - il sentiero è segnato da piccoli pali ormai quasi tutti atterrati e da piccoli ometti di sassi. Il Monte Rapina

visto salendo verso il Monte Pescofalcone

016

017 - la fitta boscaglia di pini mughi

017

018 - si ritorna sulla cresta dopo aver lambito il letto del fosso e risalito un ripido prato, (dove il sentiero si perde),

al di là di due evidenti roccioni

018

019 - ormai fuori dalla mugheta, il sassoso versante Nord del Monte Pescofalcone

019

020 - la dorsale Nord di Monte Pescofalcone

020

021 - in vista del tratto finale di cresta, affilato

021

022 - la cresta Nord di Monte Pescofalcone

022

023 - salendo dal Monte Rapina sul Monte Pescofalcone

023

024 - dalla cresta Nord di Monte Pescofalcone, vista di Monte Rotondo 2658 m

024

025 - l'anticima Nord di Monte Pescofalcone 2627 m

025

026 - Giuseppe  presso l'anticima Nord di Monte Pescofalcone 2627 m

026

027 - dal Monte Pescofalcone vista della Majelletta, Monte Blockhaus e Monte Cavallo

027

028 - il Monte Amaro visto dal Monte Pescofalcone

028

029 - targa posta sulla vetta del Monte Pescofalcone, quota 2657 m

029

030 - Giuseppe indica la vetta raggiunta, Pescofalcone 2657 m

030

031 - dal Monte Pescofalcone vista del Monte Rotondo, Monte Focalone, Monte Acquaviva e Cima Pomilio

031

032 - dal Monte Pescofalcone vista della Majelletta, Monte Blockhaus 2142 m, Monte Cavallo 2171 m

e Sella Acquaviva 2100 m

032

033 - dal Monte Pescofalcone vista della Sella Acquaviva 2100 m e Monte Focalone 2676 m

033

034 - particolare sul Monte Rotondo 2658 m, Monte Focalone 2676 m, Monte Acquaviva 2737 m

e Cima Pomilio 2656 m

034

035 - dalla vetta del Monte Pescofalcone vista del Terzo Portone 2550 m, Cima Pomilio 2656 m,

Monte San Angelo 2669 m

035

036 - dal Monte Pescofalcone uno sguardo verso la cima del Terzo Portone 2653 m

036

037 - dal Monte Pescofalcone vista della cima del Terzo Portone 2653 m e il Monte Amaro 2793 m

037

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa sui Cookie

Cosa sono i Cookie e la loro definizione

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, potrebbero necessitare del consenso dell'Utente.

Cookie tecnici e di statistica aggregata

I Cookie tecnici hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al funzionamento di questo spazio online. I Cookie tecnici utilizzati dal Titolare possono essere suddivisi nelle seguenti sottocategorie:

Cookie di navigazione, per mezzo dei quali si possono salvare le preferenze di navigazione ed ottimizzare l’esperienza di navigazione dell’Utente;

Cookie così detti “analytics”, per mezzo dei quali si acquisiscono informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima;

Cookie di funzionalità, anche di terze parti, utilizzati per attivare specifiche funzionalità di questo spazio online e necessari ad erogare il servizio o migliorarlo.

Tali Cookie non necessitano del preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.

Altre tipologie di Cookie o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo

Alcuni dei servizi elencati di seguito potrebbero non richiedere il consenso dell'Utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal titolare – a seconda di quanto descritto – senza l'ausilio di terzi.
Qualora fra gli strumenti indicati in seguito fossero presenti servizi gestiti da terzi, questi potrebbero – in aggiunta a quanto specificato ed anche all’insaputa del Titolare – compiere attività di tracciamento dell’Utente. Per informazioni dettagliate in merito, si consiglia di consultare le privacy policy dei servizi elencati.

  • Commento dei contenuti
  • Interazione con social network e piattaforme esterne (Facebook, Instagram, Pinterest, Google+, Twitter, LinkedIn, altri simili…)
  • Pubblicità
  • Remarketing e Behavioral Targeting
  • Statistica

Widget

Questo servizio permette di effettuare interazioni con questo spazio online direttamente dalle piattaforme esterne su cui è installato. L’installazione del servizio potrebbe comportare l’ulteriore installazione di strumenti di Google Analytics con IP anonimizzato. Per ulteriori informazioni in merito a Google Analytics si rinvia all’apposita sezione del presente documento.

Utilizzo da parte di minori

Gli Utenti dichiarano di essere maggiorenni secondo la legislazione loro applicabile. I minorenni possono utilizzare questo spazio online solo con l’assistenza di un genitore o di un tutore.

Come posso controllare l'installazione di Cookie?

In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l'Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all'interno del proprio browser (sistema di navigazione web) ed impedire – ad esempio – che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all'installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe (in alcuni casi) essere compromesso. Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti indirizzi: Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari and Microsoft Windows Edge, Opera.
In caso di servizi erogati da terze parti, l'Utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di Opt-Out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa.
Fermo restando quanto precede, il Titolare informa che l’Utente può avvalersi di Your Online Choices. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. Il Titolare, pertanto, consiglia agli Utenti di utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.

Titolare del Trattamento dei Dati

  • Giuseppe Albrizio
  • Via Vicoletto n 4 - 02015 Cittaducale - (RI)
  • LBRGPP55D04B077T
  • giusalbrizio@libero.it
  • Configurazione e implementazione della rilevazione statistica, con il sistema di Google Analytics, degli accessi al sito web:

Dal momento che l'installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all'interno di questo spazio online non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.

Incaricato del trattamento dei dati

Il Titolare del Trattamento dei dati incarica il Sig. Carrozzini Giorgio (webmaster), con sede legale in Via Umberto Giordano 70, 00124 Roma, Cod. Fisc. CRRGRG72L05H501C per le seguenti funzioni:

  • Gestione della rilevazione e manipolazione dei dati di navigazione tramite la piattaforma “Google Analytics” per ottenere informazioni sul comportamento di navigazione degli utenti.
  • Visualizzazione dei formulari, dei moduli di contatti compilati all’interno delle pagine dello sito web sopra citato al fine di porre in atto il controllo del corretto funzionamento del sito.

L’incaricato non è autorizzato a trasmettere o vendere a terzi, manipolare i dati personali, né a renderli pubblici. L’incaricato si impegna a proteggerne la riservatezza nell’ambito dello svolgimento delle sue funzioni quale amministratore del sito web e limitatamente alle condizioni contrattualizzate con il Titolare del sito web.

Durata della conservazione dei dati di Google Analytics

Il Titolare del Trattamento dei dati conserverà i dati di navigazione per un tempo indefinito e questi non avranno mai scadenza.

Conclusioni

Vista l'oggettiva complessità legata all'identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l'Utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all'utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi – ad esempio ad opera di terzi – effettuati tramite questo sito.
Il presente documento si riferisce a tutti gli spazi online (siti, piattaforme, strumenti internet, etc) di proprietà del Titolare.

Per ottenere ulteriori informazioni in merito agli strumenti relativi ad uno specifico spazio, l’Utente è pregato di contattare il Titolare ai riferimenti forniti nel presente documento.

Ultima modifica: 30 Aprile 2018

Copyright © 2014. Tutti i Diritti Riservati / All Rights Reserved - Giuseppe Albrizio