Le Mie Passeggiate

il sito di Giuseppe Albrizio

Appennino oltre i 2000 metri

Dente del Lupo: per la cresta Nord-Est, traversata

Dente del Lupo

per la cresta Nord-Est (traversata)

Note:

escursione effettuata a fine Luglio 2017.

La strada che scende da Campo Imperatore a Castelli-Farindola in quel periodo era chiusa al traffico a causa di una grande valanga (località Rigopiano) e abbiamo avuto problemi per poter passare in auto. Nella ricognizione del 2018 la strada è stata riaperta.

La traccia GPX è quella che lo strumento ha registrato lungo il percorso; comunque essendo un itinerario alpinistico che passa in alcuni canalini stretti potrebbe avere un errore maggiore del solito, non affidarsi esclusivamente alla traccia.

farsi accompagnare da guide alpine esperte 

Introduzione:

IL Dente del Lupo posto in un ambiente superbo e severo è rimasto sconosciuto alla gran parte degli escursionisti-alpinisti fino al 2007, anno di nascita del Club 2000m che lo ha inserito nella lista delle montagne superiori ai 2000 metri dell’Appennino.

La sua cresta Nord-Est separa il Fondo della Salsa (Ovest), dove si innalza imponente la parete Nord del Camicia, dal Gravone (Est) una lunga e complessa valle.

Da quando è stato conosciuto molti sognano di scalare la vetta, per molti motivi tra cui quella di completare la salita di tutti i 2000 dell’Appennino. La scalata, da qualsiasi versante si parte, non è banale; bisogna scendere e risalire dei ripidissimi prati di erba falasca, entrare in canalini di II - III - III+ pericolosissimi per un eventuale caduta di sassi (l’ambiente è imponente ma molto “marcio”).

Se si sale da Sud, il sentiero che scende alla Forchetta di Penne non è segnato, non ci sono omini di pietra (tranne l’imbocco a quota 2440 m, sulla cresta delle balconate del Monte Camicia lungo la quale si sale dal Monte Tremoggia allo Sperone Nirvana), non ci sono segni di vernice. Raggiunta la Forchetta di Penne rimane da risalire una parete composta da blocchi di roccia molto instabili con passi di IV grado. Tutto questo è un altro segno che questi luoghi sono poco frequentati.

Per questi motivi il Club 2000m ha deciso di non includere nella collezione delle vette questa cima. Nulla vieta a chiunque di scalarla ma solo per esperienza personale e non per vanto. IL consiglio per tutti coloro che sono determinati, motivati, hanno passione, sono allenati è di rivolgersi a guide alpine.

Qui descrivo l’itinerario della cresta Nord-Est scalata per la prima volta in inverno da Carlo Alberto (Betto) Pinelli e dai suoi amici.

Per l’impresa, fatta insieme a Roberta Capannolo e Gemma Cerini, ci siamo fatti accompagnare dalla fortissima guida alpina Leandro Giannangeli "il camoscio d'Assergi" e dal suo amico capo cordata, altrettanto forte, Enrico Antonetti dell’Aquila.

Percorso auto:

Da Campo Imperatore (dopo aver lasciato un'auto a Fonte Vetica) si prende la strada in direzione di Castelli (Teramo) e Farindola (Pescara). Superato il Vado di Sole si scende fino alla località Rigopiano (dove questo inverno, anno 2017, c’è stata una enorme valanga che ha spazzato via un grande albergo).

Al bivio continuare a sinistra direzione Castelli, percorsi 5 Km ci fermiamo a quota 1155 m, sulla destra c’è un piccolo spiazzo dove parcheggiare l'auto; a sinistra si nota una traccia di sentiero, appena accennata, che sale nel bosco. Guardando la cartina del Club Alpino Italiano Sezione dell’Aquila si nota che lungo la strada Campo Imperatore-Castelli ci sono 8 basi di partenza segnalate con la scritta 4V (Sentiero dei 4 Vadi); il nostro itinerario inizia alla quinta base in ordine di altezza decrescente (località tra Colle dei Cavatori a Nord e Colle del Tassone a sud).

Un’altra alternativa per raggiungere la base di partenza (attualmente, Agosto 2017, è l’unica perché la strada che scende da Campo Imperatore, a causa della valanga dell’inverno passato è chiusa al traffico) è partire da Castelli e percorrere la Strada Provinciale 37 del Gravone per 9 Km circa.

Note:

tempo totale della traversata considerando solo le soste per manovre di corda 9,30 ore - ascesa circa 1500 m - discesa 850 m - Km 9,5

Cartina: Gran Sasso d’Italia - carta dei sentieri - Parco Nazionale Gran Sasso-Laga - scala 1:25.000 - Club Alpino Italiano Sezione dell’Aquila - S.E.L.C.A. Firenze

Itinerario:

Si inizia a salire ripidamente nel bosco, i segnali bianco-rosso sono scarsi. A quota 1270 m si passa vicino al bottino dell’acquedotto di Fonte Brecciaro (non c’è possibilità di prendere acqua). Sempre in direzione Sud-Ovest si prosegue a serpentina fino ad uscire dal bosco (quota 1550 m). Si sale un ripido pendio erboso in diagonale verso destra puntando all’ultimo evidente canale prima di una grossa spalla rocciosa della cresta Nord-Est; in basso a destra si notano gli spuntoni di roccia chiamati la Scaglia.

Giunti alla base del canale si indossa l’attrezzatura e lo si risale tutto (II - III grado). Usciti su uno scosceso prato erboso si raggiunge la base di una evidente parete liscia e verticale. Si prosegue a destra costeggiando la parete, la si aggira tenendola a sinistra e subito dopo si sale dritti, sempre in ripida salita, puntando ad un canalino che si fa sempre più evidente mentre ci avviciniamo.

Anche questo, più stretto del precedente, si segue integralmente con qualche passaggio di III - III+ fino a giungere presso un masso appoggiato sul fosso e che forma una grotta. Si sale a sinistra e si esce su un pendio scosceso pieno di detriti rocciosi. Si va a sinistra e ci si affaccia sul Gravone.

Pochi metri più in alto si traversa a sinistra sui prati sempre scoscesi, si scende di poco e sempre traversando si intercetta un evidente canale sulla nostra destra che si risale tutto (II grado) fino al forcellino dove a sinistra c’è l’ultima paretina da risalire per giungere sulla cima. Sul forcellino c’è una sosta attrezzata che ci servirà per scendere dalla parte opposta in doppia.

Con una salita di 40 metri circa (III grado) si perviene in vetta (quota 2297 m), sosta con chiodo e spit. Tempo di salita 5,45 ore - ascesa 1200 m - Km 4,4

Ritornati sul forcellino si scende con una doppia di 60 metri la parete opposta al canale di salita. La zona è molto marcia, bisogna stare attenti a non fare partire pietre e massi. Appena “toccato terra” prima che scende il secondo bisogna trovarsi un riparo sotto alla parete in modo da evitare eventuali cascate di roccia che la stessa corda o la persona che sta scendendo potrebbe provocare.

Quando tutti sono scesi e le corde sono state recuperate si scende il conoide detritico e si risale il ghiaione fino alla Forchetta di Penne 2245 m. Da qui, spalle al Dente del Lupo, si imbocca l’evidente canale a destra del valico, si risale tutto (II grado); poco prima che termina ci si sposta a sinistra per intercettare un forcellino (sulla parete di destra c’è una grossa scritta rossa un po’ sbiadita).

Si scende sul prato sottostante, si aggira un costone roccioso verso destra e su ripidi prati si sale sulla cresta delle balconate del Monte Camicia (quota 2440 m) che porta sul Pilastro Nirvana. Dal Dente del Lupo 2,30 ore - ascesa circa 300 metri - Km 1,6.

Dalle balconate si intercetta la via normale che sale al Monte Camicia per il Vallone di Vradda e si scende a Fonte Vetica, quota 1630 m, dove la traversata termina 1,15 ore - discesa 850 m - Km 3,5.

cartina 1-5

cartina 1a-5 Dente del Lupo

cartina 2-5

cartina 2a-5 Dente del Lupo

cartina 3-5

cartina 3-5 Dente del Lupo

cartina 4-5

cartina 4-5 Dente del Lupo

cartina 5-5

cartina 5-5 Dente del Lupo

001 - il Dente del Lupo visto dal Monte Tremoggia (Sud-Est)

001 

002 - nel bosco, la salita dalla partenza è sempre ripida

002 

003 - sul ripido prato puntando al canalino di destra

003 

004 - la Scaglia

004 

005 - il primo canalino da risalire

005 

006 - la fortissima guida alpina Leandro Giannangeli di Assergi (L’Aquila) prepara l’attrezzatura

006 

007 - un momento della salita

007 

008 - la guida in azione

008 

008a - il ripidissimo pendio

008a 

008b - si sale in sicurezza

008b 

009 - apre la via il capo cordata (altrettanto forte come Leonardo) Enrico Antonetti dell’Aquila

009 

010 - un momento della salita

010 

011 - uno sguardo indietro

011 

012 - la parete verticale e compatta (una delle poche) da raggiungere

012 

013 - traverso sotto la parete (Roberta Capannolo)

013 

014 - aggirata la parete si continua a salire

014 

015 - il tratto appena salito, pieno di sassi instabili

015 

016 - sempre in salita, Enrico va avanti

016 

017 - uno sguardo indietro

017 

018 - Leandro prepara la via

018 

018a - salita molto ripida

018a 

019 - in primo piano Gemma Cerini e più in alto Roberta Capannolo

019 

020 - zona molto “marcia”, siamo circondati da massi instabili

020 

021 - Enrico in azione

021 

021a - Enrico Antonetti, capo cordata

021a 

022 - masso appoggiato che forma una grotta

022 

023 - ancora uno sguardo indietro

023 

024 - un momento di sosta mentre la guida Leandro, instancabile e molto professionale, controlla la via

024 

025 - sosta

025 

026 - Gemma, Enrico e Leandro

026 

027 - si prosegue con un traverso a sinistra

027 

028 - in fondo il Corno Grande

028 

029 - si aggira il costone e si entra nel Gravone

029 

030 - ancora un traverso molto ripido per raggiungere l’ultimo canalino (visibile nella foto) da risalire

030 

031 - il canalino; in alto il Dente del Lupo

031 

032 - Leandro in azione sull’ultima parete, III grado molto esposto

032 

032a - sulla cima, Dente del Lupo 2297 m

032a 

033 - dalla cima del Dente del Lupo, Roberta mentre fotografa e Leandro che fa sicura

033 

034 - Giuseppe e Gemma sul Dente del Lupo

034 

035 - Giuseppe, Gemma e Roberta sul Dente del Lupo

035 

036 - in discesa dal Dente del Lupo, luogo molto aereo

036 

037 - Leandro ha preparato la doppia, il primo a scendere è Enrico, fondamentale il suo aiuto in questo momento

perché è lui che decide quanta corda ci vuole per “toccare terra” e sceglie il posto dove ripararsi da eventuali

cadute di sassi nel mentre scendono gli altri. La guida alpina e il capo cordata si capiscono al volo

037 

038 - particolare della discesa in corda doppia

038 

039 - dopo essere sceso mi riparo sotto una roccia aspettando che tutti calino

039 

040 - conoide detritico

040 

041 - la parete appena scesa, si notano alcune corde fisse, l’ambiente è molto “marcio”

041 

042 - la Forchetta di Penne, ...ancora non è finita..., a destra si nota il canalino da risalire

042 

043 - il Dente del Lupo visto dalla Forchetta di Penne

043 

044 - dalla Forchetta di Penne, spalle al Dente del Lupo, il canalino da prendere

044 

045 - nel canalino

045 

046 - il Dente del Lupo visto dal canalino

046 

047 - poco prima dell’uscita dal canalino si piega a sinistra

047 

047a - risalita del canalino, dietro il Dente del Lupo

047a 

048 - all’uscita del forcellino, a destra i prati da risalire

048 

049 - la via da percorrere, sempre ripida

049 

050 - un attimo di sosta all’ombra

050 

051 - all’uscita sulla cresta che dal Monte Tremoggia conduce al Pilastro Nirvana

051 

052 - il Pilastro Nirvana e la via normale del Vallone di Vradda

052 

053 - in discesa verso Fonte Vetica

053 

054 - Fonte Vetica con la guida alpina Leandro (a destra della foto) e il capo cordata Enrico

054 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa sui Cookie

Cosa sono i Cookie e la loro definizione

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, potrebbero necessitare del consenso dell'Utente.

Cookie tecnici e di statistica aggregata

I Cookie tecnici hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al funzionamento di questo spazio online. I Cookie tecnici utilizzati dal Titolare possono essere suddivisi nelle seguenti sottocategorie:

Cookie di navigazione, per mezzo dei quali si possono salvare le preferenze di navigazione ed ottimizzare l’esperienza di navigazione dell’Utente;

Cookie così detti “analytics”, per mezzo dei quali si acquisiscono informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima;

Cookie di funzionalità, anche di terze parti, utilizzati per attivare specifiche funzionalità di questo spazio online e necessari ad erogare il servizio o migliorarlo.

Tali Cookie non necessitano del preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.

Altre tipologie di Cookie o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo

Alcuni dei servizi elencati di seguito potrebbero non richiedere il consenso dell'Utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal titolare – a seconda di quanto descritto – senza l'ausilio di terzi.
Qualora fra gli strumenti indicati in seguito fossero presenti servizi gestiti da terzi, questi potrebbero – in aggiunta a quanto specificato ed anche all’insaputa del Titolare – compiere attività di tracciamento dell’Utente. Per informazioni dettagliate in merito, si consiglia di consultare le privacy policy dei servizi elencati.

  • Commento dei contenuti
  • Interazione con social network e piattaforme esterne (Facebook, Instagram, Pinterest, Google+, Twitter, LinkedIn, altri simili…)
  • Pubblicità
  • Remarketing e Behavioral Targeting
  • Statistica

Widget

Questo servizio permette di effettuare interazioni con questo spazio online direttamente dalle piattaforme esterne su cui è installato. L’installazione del servizio potrebbe comportare l’ulteriore installazione di strumenti di Google Analytics con IP anonimizzato. Per ulteriori informazioni in merito a Google Analytics si rinvia all’apposita sezione del presente documento.

Utilizzo da parte di minori

Gli Utenti dichiarano di essere maggiorenni secondo la legislazione loro applicabile. I minorenni possono utilizzare questo spazio online solo con l’assistenza di un genitore o di un tutore.

Come posso controllare l'installazione di Cookie?

In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l'Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all'interno del proprio browser (sistema di navigazione web) ed impedire – ad esempio – che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all'installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe (in alcuni casi) essere compromesso. Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti indirizzi: Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari and Microsoft Windows Edge, Opera.
In caso di servizi erogati da terze parti, l'Utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di Opt-Out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa.
Fermo restando quanto precede, il Titolare informa che l’Utente può avvalersi di Your Online Choices. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. Il Titolare, pertanto, consiglia agli Utenti di utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.

Titolare del Trattamento dei Dati

  • Giuseppe Albrizio
  • Via Vicoletto n 4 - 02015 Cittaducale - (RI)
  • LBRGPP55D04B077T
  • giusalbrizio@libero.it
  • Configurazione e implementazione della rilevazione statistica, con il sistema di Google Analytics, degli accessi al sito web:

Dal momento che l'installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all'interno di questo spazio online non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.

Incaricato del trattamento dei dati

Il Titolare del Trattamento dei dati incarica il Sig. Carrozzini Giorgio (webmaster), con sede legale in Via Umberto Giordano 70, 00124 Roma, Cod. Fisc. CRRGRG72L05H501C per le seguenti funzioni:

  • Gestione della rilevazione e manipolazione dei dati di navigazione tramite la piattaforma “Google Analytics” per ottenere informazioni sul comportamento di navigazione degli utenti.
  • Visualizzazione dei formulari, dei moduli di contatti compilati all’interno delle pagine dello sito web sopra citato al fine di porre in atto il controllo del corretto funzionamento del sito.

L’incaricato non è autorizzato a trasmettere o vendere a terzi, manipolare i dati personali, né a renderli pubblici. L’incaricato si impegna a proteggerne la riservatezza nell’ambito dello svolgimento delle sue funzioni quale amministratore del sito web e limitatamente alle condizioni contrattualizzate con il Titolare del sito web.

Durata della conservazione dei dati di Google Analytics

Il Titolare del Trattamento dei dati conserverà i dati di navigazione per un tempo indefinito e questi non avranno mai scadenza.

Conclusioni

Vista l'oggettiva complessità legata all'identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l'Utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all'utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi – ad esempio ad opera di terzi – effettuati tramite questo sito.
Il presente documento si riferisce a tutti gli spazi online (siti, piattaforme, strumenti internet, etc) di proprietà del Titolare.

Per ottenere ulteriori informazioni in merito agli strumenti relativi ad uno specifico spazio, l’Utente è pregato di contattare il Titolare ai riferimenti forniti nel presente documento.

Ultima modifica: 30 Aprile 2018

Copyright © 2014. Tutti i Diritti Riservati / All Rights Reserved - Giuseppe Albrizio