Sentieri Montani di Cittàducale

Escursione n. 18: Micciani, Pendenza, Calcariola; per Fonte Secca, Fonte Morendi, Colle Roccana, Madonna delle Valli

Micciani-Pendenza-Calcariola

 giro ad anello

passando per Collattoni-Fonte Secca-Fonte Morendi-Colle Roccana-Madonna delle Valli-

Casale Penta-Fonte Maiale-Colle Panzetti-Piano dei Micciani

Nota1:

L'itinerario qui descritto ripercorre antichi sentieri presenti su cartina IGM o nuove vie aperte da animali al pascolo:

fino all'ultima mia ricognizione (Marzo 2019) risultava pulito e ben mantenuto.

Attualmente NON si garantisce la completa praticabilità a causa dei rovi che potrebbero aver invaso alcuni tratti.

Tempi di percorrenza

Tempo complessivo dell’anello: 4 ore - ascesa 600 m - Km 15 - Traccia GPX

da Micciani a Pendenza: 50 minuti - ascesa 320 m - Km 2,4

da Pendenza a Calcariola: 1,40 ore - ascesa 200 m - Km 6

da Calcariola a Micciani (per il Piano dei Micciani) 1,30 ore - ascesa 50 m - Km 6

il tempo complessivo dell’escursione non considera le soste e le visite alle chiese.

Nota2:

tutte le chiese dei borghi visitati e la chiesa campestre Madonna delle Valli sono chiuse, informarsi in anticipo presso il comune di Cittaducale per ottenere le chiavi.

Percorso auto:

Da Roma si percorre la Strada Salaria n. 4; al bivio di Caporio, frazione del comune di Cittaducale, si prende a destra la Strada Provinciale Cittaducale-Fiamignano; percorsi circa 3 Km si lascia la strada principale per girare a sinistra e seguire una stretta via asfaltata, c’è l’indicazione per Micciani.

Oppure: giunti a Caporio si prosegue sulla Via Salaria fino a Vasche, frazione del comune di Castel S. Angelo; all’incrocio del Km 90,5 circa, si va a destra seguendo le indicazioni per le Sorgenti del Peschiera-Micciani. Passata una fontana la strada si restringe, si supera su uno stretto ponte il Fiume Peschiera, si passa accanto all’antica Mola Scorretti e, andando sempre a sinistra ai crocevia, si sale al paese dove si parcheggia sulla piccola e panoramica piazza, 482 m.

Descrizione:

Dalla piazzetta si sale verso la parte alta del piccolo borgo incamminandosi in Via Pendenza. Si passa sotto ad un arco sopra il quale c’è un’abitazione, si lascia a sinistra una fontana e si continua fino all’ultima casa (ci sono due lavatoi) dove finisce l’asfalto e inizia una strada sterrata.

Ad una biforcazione si prosegue dritti (Sud-Est), trascurando la sterrata invitante di sinistra. Più avanti la via termina presso un cancello di ferro oltre il quale c’è un uliveto; a sinistra c’è l’imbocco della mulattiera. IL sentiero è sempre evidente anche se in parecchi tratti la vegetazione cerca di chiuderlo; comunque, senza problemi, a quota 695 m si incrocia un sentiero più largo che ha direzione Nord-Sud.

Si gira a sinistra e dopo pochi minuti si arriva ad un altro incrocio (quota 710 m) con una sterrata che a sinistra termina presso una fattoria, naturalmente si va a destra.

Percorsi poche centinaia di metri si sbuca su una strada asfaltata a pochi metri dal cimitero di Pendenza 722 m. Dal camposanto si prosegue, in salita, lungo una sterrata (in direzione Nord) che poi diviene mulattiera e porta alle prime case del paese.

Più avanti si giunge sulla piazza inferiore chiamata “Largo Sabatino Giangirolami” e da qui si può visitare tutto il borgo (quota 792 m) mantenuto pulito e in ordine (0,50 ore - ascesa 320 m - 2,4 Km).

Visitato il borgo si ritorna indietro per la via d’andata fino al bivio di quota 695 m (10 minuti), qui si lascia, a destra, il sentiero che scende a Micciani (che abbiamo appena percorso in salita) e si continua dritti in leggera discesa (direzione Sud) fino al crocevia di quota 685 m dove si trova la Fonte Secca, 685 m, (sopra la fonte c’è un grosso casale).

Dal trivio si continua sulla strada di destra in direzione Sud-Ovest, sempre in discesa (via percorribile anche da mezzi cingolati e jeep), in poco tempo si giunge presso la Fonte Morendi, 650 m, si piega verso destra e si esce sulla Strada Provinciale Cittaducale-Fiamignano a quota 665 m (0,25 ore da Pendenza).

Attraversata la provinciale si continua dall’altra parte (direzione Ovest) lungo uno stradino asfaltato. Dopo un casale che si ha a sinistra, attenzione ai cani in libertà (abbaiano ma non si avvicinano più di tanto), la via diviene sentiero e porta sul Colle Roccana, 692 m, dove si collega ad una piccola strada asfaltata; prendendo a sinistra in pochi minuti si arriva nella piazza del Casale Tommasetti, quota 685 m, dove c’è un fontanile. Tornati indietro si prosegue in discesa lungo l’asfalto e dopo 800 metri si giunge al bivio con la strada comunale che a sinistra porta a Calcariola (quota 650 m - 0,40 ore da Pendenza).

Si prosegue a sinistra, ancora avanti per pochi minuti e si giunge ad un altro incrocio, quota 685 m circa, dove a sinistra c’è l’indicazione per la località Casali Verani (possiamo fare una piccola deviazione per andare a vedere i leoni che si trovano davanti all’ingresso della chiesa della Madonna delle Valli).

Si lascia, per il momento, la strada principale e si segue la via per questo luogo, all’inizio su asfalto ma pochi metri dopo su sterrato. Giunti ad una biforcazione si va a sinistra e si arriva, in poco tempo, presso la Chiesa della Madonna delle Valli, 627 m, dove ai lati del portale cinquecentesco ci sono due leoni in pietra (0,30 ore tra andata e ritorno).

Ripresa la via principale si continua per altri pochi minuti; appena dopo una larga curva a ferro di cavallo, in senso antiorario, parte a destra una sterrata, in salita, dal fondo breccioso, quota 710 m. Si sale lungo questa che passa dietro al cimitero, poi diviene asfaltata e passa accanto alla chiesetta di Sant’Antonio e infine scende sulla strada principale, lasciata in precedenza, proprio all’inizio del paese di Calcariola, quota 760 m (1,40 ore da Pendenza - ascesa 200 m - 6 Km).

Visitato l’antico castello, ora ristrutturato e diviso in piccoli appartamenti, si prosegue lungo la strada principale e subito dopo la chiesa parrocchiale di San Lorenzo Martire si imbocca a destra una sterrata; questa all’inizio scende ripida in direzione Nord-Est, fare attenzione a non scivolare perché il fondo è breccioso. Ad un bivio, quota 656 m, nei pressi dei ruderi del Casale Penta, si prende a sinistra e si continua a scendere fino a costeggiare, tenendolo a destra, un profondo fosso.

La via si restringe sempre di più e va a mezza costa in direzione Nord-Ovest, passa accanto ad una risorgiva, località chiamata dai locali Fonte Maiale (anche se la fonte non c’è più ma sono rimasti i segni del passaggio dell’acqua) ed infine intercetta una sterrata che presa a destra ci porta sulla strada Provinciale Cittaducale-Fiamignano nei pressi della Centrale Enel di Cotilia.

Si prosegue a destra lungo l’asfalto e percorsi circa 1,2 Km si prende a sinistra una sterrata che scende nel Piano dei Micciani e prosegue parallela alla ferrovia. Prima di giungere alla stazione ferroviaria “Sorgenti del Peschiera” si incontra un bivio, si continua a seguire la strada principale che va a destra, passa vicino ad un impianto di depurazione, vicino al cimitero e giunge a Micciani.

Dal bivio, appena sopra accennato, se si prosegue dritti si arrivati alla stazione ferroviaria “Sorgenti del Peschiera” dove passa una strada asfaltata che porta sempre a Micciani (da Calcariola: 1,30 ore - ascesa 50 m - Km 6).

Cartina 1-3

cartina 001 Miccian-Pendenza-Calcariola giro ad anello

Cartina 2-3

000a - Micciani-Pendenza-Calcariola

Cartina 3-3

cartina 003 Miccian-Pendenza-Calcariola giro ad anello.JPG

001 - Micciani e Pendenza visti dalla Strada Provinciale Cittaducale-Fiamignano

001 

002 - Calcariola vista da Micciani

002 

002a - il castello di Calcariola visto da Micciani

002a

003 - Cittaducale visto da Micciani

003

004 - il borgo di Micciani

004 

005 - la fontana di Micciani

005 

006 - lavatoi di Micciani

006 

007 - Pendenza vista salendo da Micciani

007 

008 - la chiesa di Pendenza

008 

009 - la fontana di Pendenza

009 

010 - particolare della fontana

010 

011 - uno scorcio di Pendenza

011 

011a - un'edicola sacra nel paese di Pendenza

011a

012 - la piazzetta a monte del paese

012 

013 - curiosità: un’antica casa crollata, si notano le botti nella cantina

013 

013a - dal Belvedere di Pendenza: Monte Terminillo e la piana del Fiume Velino verso Antrodoco

013a

013b - dal Belvedere di Pendenza: le Terme di Cotilia

013b

013c - dal Belvedere di Pendenza: una troticoltura ed un laghetto

013c

013d - dal Belvedere di Pendenza: Cittaducale

013d

013e - Marzo 2019: da Pendenza a Calcariola 

013e

013f - Marzo 2019: da Pendenza a Calcariola

013f

014 - Fonte Secca 685 m

014 

015 - particolare della Fonte Secca

015 

016 - Fonte Morendi 650 m

016 

017 - particolare della Fonte Morendi

017 

018 - lo stradino asfaltato che si percorre dopo aver attraversato la strada provinciale

018 

019 - Colle Roccana 692 m

019 

020 - da Colle Roccana vista di Pendenza, Paterno e il Terminillo

020 

020a - Marzo 2019: uno sguardo sul Monte Terminillo ed il borgo di Pendenza

020aa 

020b - la Rocca di Micciani (rovine)

020bb

021 - il punto d’incontro della strada che stiamo percorrendo con quella che collega Calcariola alla strada provinciale

021 

022 - a sinistra c’è il bivio che porta alla chiesa della Madonna delle Valli e ai Casali Verani

022 

023 - la chiesa della Madonna delle Valli 627 m

023 

024 - la chiesa della Madonna delle Valli con i leoni che si trovano davanti all’ingresso

024 

024a - Marzo 2019: escursine con un gruppo del CAI e della FIE, Santa Maria delle Valli

024a

024b - interno della chiesa, il nuovo quadro di Santa Maria delle Valli

024b

024c - il vecchio quadro sacro danneggiato da ignoti

024c

024d - Santa Maria delle Valli

024d

024e - alcuni dipinti su intonaco nella chiesa di Santa Maria delle Valli

024e

025 - particolare dei leoni che si trovano davanti al portale cinquecentesco della chiesa della Madonna delle Valli

025 

026 - larga curva a ferro di cavallo in senso antiorario, si lascia la strada asfaltata per prendere la sterrata di destra

026 

027 - la chiesa di Sant’Antonio

027 

028 - l’ingresso del paese di Calcariola

028 

029 - il paese di Calcariola, sulla destra una torre che fa parte del borgo fortificato

029 

029a - un'edicola sacra nel borgo di Calcariola

029a

030 - il borgo fortificato di Calcariola

030 

031 - uno scorcio dalla piazza interna del borgo fortificato

031 

031a - nella piazza del castello di Calcariola

031a

032 - uno sguardo da un balcone del borgo fortificato

032

032aa - uno sguardo dal borgo fortificato di Calcariola: il Monte Nuria, Monte Giano, la piana del Fiume Velino e del Fiume Peschiera (si nota in primo piano)

032aa

032a - la chiesa parrocchiale di Calcariola

032a

032b - l'interno della chiesa parrocchiale di Calcariola

032b

032c - La Madonna del Parto (chiesa parrocchiale di Calcariola)

032c

033 - un fontanile a monte del paese di Calcariola

033 

034 - Cittaducale vista da Ponzano, nel caso si decide di fare un giro completo

034

035 - Micciani vista da Calcariola

035

036 - Fonte Maiale, ora asciutta

036

037 - la littorina presso il Piano dei Micciani

037

038 - tra gli alberi il paese di Micciani

038

039 - a sinistra si nota il Monte Giano con la scritta DVX

039