Sentieri Montani di Cittàducale

Escursione n. 16: Peschio del Principe o Vena Rocca; salendo da Cesa Lunga

Peschio del Principe o Vena Rocca

salendo da Cesa Lunga

Nota:

L'itinerario qui descritto ripercorre antichi sentieri presenti su cartina IGM o nuove vie aperte da animali al pascolo:

fino all'ultima mia ricognizione (inverno 2015) risultava pulito e ben mantenuto.

Attualmente NON si garantisce la completa praticabilità a causa dei rovi che potrebbero aver invaso alcuni tratti.

Nota:

Facile escursione fatta tutta su strada sterrata che porta su una cima da dove si ammira un ottimo panorama sui paesi e sulle montagne circostanti. Traccia GPX

Il Peschio del Principe o Vena Rocca era sicuramente un sito militare strategico, proprio sulla vetta ci sono delle rovine di una grande fortezza a protezione dei paesi di Antrodoco, Borgovelino, Castel S. Angelo, Mozza, Canetra e la piana dove scorre il Fiume Velino.

Questa roccaforte comunicava con altre torri sparse nella zona come quella che si trovava sul Monte Torrecane (anche qui ci sono rimaste solo le fondamenta).

Fare riferimento alle cartine sotto riportate; Il percorso di avvicinamento in auto è evidenziato con colore verde, l’andata dell’escursione

bianco-rosso, il ritorno giallo-arancione e la parte in comune bianco-rosso

tempo di salita 2,30 ore - ascesa 530 m - Km 9

tempo di discesa per la stessa via 2 ore - Km 9 

Percorso auto:

Per chi proviene da Rieti, superata la Torre Angioina di Cittaducale si imbocca a sinistra il viale con i pini, via San Francesco, si passa accanto al cimitero e si sale sempre su asfalto. Ad un trivio si va a destra (trascurare Via San Felice da Cantalice a sinistra) e si inizia a salire su sterrata, al successivo bivio andare dritti (Via San Francesco continua a sinistra), poi trascurare tutte le deviazioni sia a destra che a sinistra, si passa il serbatoio dell’acquedotto, una fonte alimentata dal bipartitore e si arriva presso la grossa radura di Cesa Lunga, quota 740 m, dove si parcheggia accanto al rifugio forestale.

Descrizione:

Andata

A piedi si continua in salita lungo la strada principale, direzione Nord, subito si trascurano due vie secondarie, una a destra e l’altra a sinistra (comunque seguire sempre la sterrata più larga segnata con punti rossi sulla cartina). Ad un curvone si ignora la strada che continua in piano a sinistra e che porta a Prata Coste, subito dopo un’altra in netta salita a sinistra e si arriva al bivio che a sinistra porta al poligono di tiro ora in disuso (si può andare a curiosare ma la vegetazione si sta riprendendo tutto quello che gli era stato tolto).

Ritornati sulla via principale si continua a salire, si effettuano due tornanti (la zona è chiamata Montagna dei Cesoni) e si ignora a destra una sterrata che porta a Fonte Scentelle e al paese di Paterno. Al tornante successivo si lascia un’altra strada a destra che si collega con quella ignorata pochi minuti prima e si sale ancora fino ad attraversare una grossa spaccatura artificiale fatta per facilitare il passaggio, la zona è chiamata "Montagna Spaccata". Subito dopo c’è uno spiazzo con due stradine secondarie a sinistra, una sale e l’altra scende, trascurarle tutte e due e continuare sulla via principale quasi in piano. Più avanti si passa tra il Cimale Cardone a  Nord e il Cimale Paterno a Sud, si trascurano altre strade secondarie a destra che scendono in alcuni prati e si arriva così al Laghetto nei pressi dei ruderi del Casale Dentrocani e il Casale Lucarelli (cosi scritto sulla vecchia cartina IGM, del Casale Lucarelli non ci sono tracce).

Ancora avanti per pochi minuti e si arriva presso la Fonte del Cignale, quota 1065 m, che si trova nel piccolo prato a sinistra della strada, a destra c’è un cartello escursionistico che indica un sentiero segnato che porta a Castel S. Angelo. Pochi metri avanti c’è una biforcazione, la strada di sinistra, che è la principale, continua lungamente verso Terminillo, noi andiamo a destra e senza possibilità d’errore, trascurando tutte le deviazioni sulla destra, si arriva a toccare la Croce del Peschio del Principe o Vena Rocca 1267 m.

Ottimo il panorama sul Monte Giano, Monte Calvo (tra i due si intravede il Gran Sasso), Monte Nuria e i paesi sottostanti.

Tempo di salita 2,30 ore, dislivello 530 m, Km 9.

Ritorno

si può percorrere la stessa via in circa 2 ore oppure ritornati alla Fonte del Cignale si percorre la valle che si trova dietro la fonte (direzione Sud-Ovest), rimanendo sul fondo e zigzagando per evitare la vegetazione più fitta. Si arriva così ad intersecare un’altra valle che si prende a destra, poco prima che il fondo di questa si fa malagevole la si attraversa e si continua sul versante sinistro su un sentiero che, seguendo il fosso, arriva alla Fonte di San Lorenzo 900 m.

Da qui in poi c’è una sterrata di servizio all’acquedotto di Cittaducale, si scende fino all’Arco di San Lorenzo e ancora avanti in direzione Ovest per circa 2 Km; al bivio (tombino quasi al centro dell'incrocio) si continua dritti in leggera salita fino ad incrociare presso una grossa curva la sterrata percorsa all’andata, seguendo questa si ritorna all'auto.

Tempo di discesa 1,30 ore, Km percorsi 7.

Chi decide di salire a piedi da Cittaducale fino a Cesa Lunga deve aggiungere (tra andata e ritorno) 2 ore, 8 Km e un dislivello di 250 m.

cartina 1-5

000_-_cartina_1-4

cartina 2-5 

000_-_cartina_2-4

cartina 3-5 

000_-_cartina_3-4

cartina 4-5 

000_-_cartina_4-4

cartina 5-5 Google Earth

000 - Cittaducale-Peschio del Principe

001 - Rifugio Forestale di Cesa Lunga 740 m, Cittaducale

001

001a - curiosità...., il Rifugio Forestale di Cesa Lunga durante una bufera di neve

001a

001b - curiosità...., il Rifugio Forestale di Cesa Lunga dopo qualche giorno dalla bufera

001b

002 - Chiesetta degli Alpini, Cesa Lunga

002

002a - curiosità...., la Chiesetta degli Alpini dopo una nevicata 

002a

003 - bivio sul curvone poco sopra Cesa Lunga

003

004 - nei pressi di Cesa Lunga

004

005 - ex Poligono, le postazioni di tiro

005

006 - antico cartello stradale

006

007 - primo bivio che a destra porta a Fonte Scentelle e a Paterno

007

008 - secondo bivio per Fonte Scentelle e Paterno

008

009 - …si sale ancora fino ad attraversare una grossa spaccatura artificiale "la Montagna Spaccata"…

009

010 - uno sguardo verso il Monte Nuria e la pineta dove si trova la Fonte Scentelle

010

011 - …Subito dopo c’è uno spiazzo con due stradine secondarie a sinistra, una sale e l’altra scende, trascurarle tutte e due…

011

012 - in fondo si vede Rieti con i Monti Sabini, a destra il paese di Castelfranco

012

013 - il Casale D’Antoni, il puntino bianco in alto

013

014 - il Laghetto tra il Casale Dentrocani e il Casale Lucarelli

014

014a - curiosità...., il laghetto tra il Casale Dentrocani e il Casale Lucarelli in una fredda e bella giornata d'inverno

014a

014b - curiosità...., con le racchette da neve sul laghetto ghiacciato

014b

014c - tramonto sul laghetto ghiacciato, 1 Gennaio 2014

014c

014d - il fontanile nei pressi del laghetto, 1 Gennaio 2014

014d

015 - cartello escursionistico vicino la Fonte del Cignale

015

016 - la Fonte del Cignale, quota 1065 m

016

017 - a sinistra la sterrata continua per la Valle Rimalle a destra per il Peschio del Principe

017

018 - il Monte Nuria e a sinistra si nota la punta del Torrecane

018

019 - il Monte Giano e il Monte Calvo, tra i due, al centro, si nota il Gran Sasso

019

020 - particolare della scritta DUX sul Monte Giano, a destra si nota il Gran Sasso

020

021 - il Peschio del Principe 1267 m

021

022 - il Peschio del Principe, finalmente vicino

022

023 - particolare dell’antica fortezza di Vena Rocca o Peschio del Principe

023

024 - particolare dell’antica fortezza di Vena Rocca o Peschio del Principe

024

025 - la Croce del Peschio del Principe

025

026 - le scritte sotto la Croce

026

026a - Peschio del Principe, 28 Febbraio 2013

026a

026b - escursione da Cittaducale al Peschio del Principe con il CAI di Rieti, 6 Aprile 2014  

026b

027 - panoramica dal Peschio del Principe, in basso si nota il paese di Borgovelino

027

028 - un altare costruito dagli alpini in congedo, di fronte si vede la Cimata di Castello

028

029 - al ritorno dall’escursione,…la Fonte di San Lorenzo, quota 900 metri, necessita di un urgente restauro.

029

030 - passaggio del gruppo escursionistico del CAI di Rieti presso la Fonte di San Lorenzo, 6 Aprile 2014

030