Percorsi vari

Monte Caccume o Cacume: dal paese di Patrica, Frosinone

Monte Caccume o Cacume

dal paese di Patrica, Frosinone

Nota:

Secondo la topografia IGM, questa montagna facente parte dei Monti Lepini si chiama Caccume ma viene tradizionalmente chiamata Cacume dagli abitanti locali.

Impossibile non riconoscerla, poiché spicca come una piramide isolata visibile da grande distanza. Sulla vetta è posta una grande Croce monumentale, una delle tante volute dal Papa Leone XIII per il Giubileo del 1900.

Vedi pure Monte Catria     

Vedi pure Monte Capreo

Ottimo il panorama dalla cima sul paese di Patrica, Frosinone e la sua pianura, sulle cime degli Aurunci e degli Ausoni, sul Monte Circeo, sul mare e sulle isole Ponziane nonché su tutta la catena del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

Tempo di salita 1,45 ore, ascesa 660 m, Km 4,5

Tempo di discesa per la stessa via 1,30 ore.

Fare riferimento alla cartina: Monti Lepini, scala 1:25.000 su base IGM, Edizioni IL Lupo.

Percorso auto:

Da Frosinone si segue la Strada Regionale 156 dei Monti Lepini (ex Strada Statale), direzione Latina, fino al bivio per Patrica. All’ingresso del paese si imbocca la galleria sulla sinistra e si parcheggia subito dopo, quota 437 m (percorrendo questa strada si arriva a Supino).

Itinerario:

A piedi si ritorna verso la galleria; sulla sinistra di questa, parte il sentiero segnato con bandierine di vernice bianco-rosso. Sul muro c’è verniciato un segnale escursionistico con il numero 26 e la scritta Caccume; alla base delle scale in pietra da risalire, c’è una freccia di legno che indica Cacume.

Al termine dei gradoni, si incrocia una stretta strada asfaltata che si segue in ripida salita a destra; terminato il tratto asfaltato, si continua lungo una mulattiera a sinistra (la stradina diventa sterrata e termina poco oltre presso un fontanile senz’acqua).

Senza possibilità d’errore, la via da seguire risulta molto evidente ed è segnata molto bene, si attraversa un bosco sempreverde e si passa accanto alla Fontana della Rava, quota 822 m; da notare che, nonostante questa montagna non raggiunga una altezza molto elevata e risulti isolata dalle altre da profonde vallate, è ricca di sorgenti ed il terreno in alcuni tratti si presenta molto umido.

Più avanti, a quota 870 m, si giunge ad una biforcazione segnalata da frecce escursionistiche. A destra è indicata la Fonte Savino: il sentiero  però non è segnato e non è neanche molto evidente. Proseguendo a sinistra invece, poco più in alto (a quota 900 m circa) si inizia ad aggirare in senso orario la cima del monte, caratteristica piramide di circa duecento metri d’altezza.

A quota 920 m c’è una deviazione ancora una volta segnata da frecce di legno. A destra si continua in salita verso la vetta mentre dritti si prosegue quasi in piano fino alla Fontana Scocciapane, quota 885 m (si può andare a curiosare: tra andata e ritorno occorrono meno di 20 minuti).

Presa la via di destra, dopo alcune svolte si esce dal bosco ed ancora “zigzagando” si raggiunge l’imponente Croce di vetta e la piccola chiesa, quota 1095 m (tempo di salita 1,45 ore - ascesa 660 m - Km 4,5).

Stessa via per la discesa, con un tempo di 1,30 ore.

001 - il Monte Caccume o Cacume visto da lontano

001 

002 - la base di partenza, quota 437 m, Patrica (Frosinone)

002 

003 - la scritta Caccume come riportata sulla cartina IGM

003 

004 - la scritta Cacume come chiamata dai locali

004 

005 - le scale da risalire

005 

006 - stupendo panorama sul paese di Patrica

006 

007 - la fonte senz’acqua dove si giunge se, per errore, si prosegue sulla strada sterrata

007 

008 - dal sentiero veduta di Patrica e dei Monti Simbruini

008 

009 - salendo il panorama si allarga sempre di più sulla pianura di Frosinone

009 

010 - la piramide del Monte Caccume

010 

011 - uno sguardo verso il Monte Caccume protetto da un bosco sempreverde

011 

012 - una fonte senza nome su IGM, le vasche sono vuote ma la sorgente ha molta acqua

012 

013 - Fontana della Rava 822 m, in fondo Frosinone e i Monti del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise

013 

014 - ancora una vista di Patrica, bel paese arroccato

014 

015 - dalla Fontana della Rava vista del Monte Caccume

015 

016 - uno sguardo verso il Monte Gemma e il Monte Salerio

016 

017 - incrocio con un sentiero, quello di destra porta alla Fonte Savino ma sul terreno non c'è nessuna traccia

017 

018 - il tratto di sentiero che sale verso la piramide del Monte Caccume

018 

019 - in vista della chiesa del Monte Caccume

019 

020 - la chiesa e la grossa Croce del Caccume

020 

021 - la piccola campana e la grande Croce

021 

022 - particolare della grande Croce

022 

023 - sul Monte Caccume o Cacume 1095 m

023 

024 - un grande binocolo (ma non serve a nulla, si vede male)

024 

025 - il Monte Gemma e, in fondo, il Semprevisa

025 

026 - l’interno della Chiesa

026 

027 - particolare

027 

028 - Patrica vista dal Monte Caccume

028 

029 - la Fontana Scocciapane 885 m

029