Percorsi vari

Monte Porco Morto, Cimamonte (salita da San Filippo)

Monte Porco Morto, Cimamonte

da San Filippo (Via Piedimonte località la Madonnetta)

Nota 1:

fare riferimento alla cartina:

Monti Sabini, Carta Escursionistica - Scala 1:25000, Sulmona, Edizioni il Lupo  2008.

Escursione fatta il 04 Marzo 2013

tempo di andata 3,30 ore

ascesa 800 m

Km percorsi 9

tempo di ritorno 1,45 ore

ascesa 150 m

Km percorsi 7,5

 

Percorso auto:

Da Roma Terni e L’Aquila per raggiungere la base di partenza (Via Piedimonte, località Fosso della Mola, San Filippo, frazione del comune di Contigliano) ci si dirige verso Rieti. Imboccata la SS 675 conviene uscire a Rieti Ovest e continuare sulla Via Tancia direzione Contigliano.

All’incrocio del Km 7 si gira per Monte San Giovanni in Sabina-Poggio Catino- Montenero Sabino. Si trascura subito una deviazione, a destra, per Colle Baccaro e San Filippo e percorsi circa 3 Km si è ad un altro bivio; si gira a destra per San Filippo e Poggio Perugino.

Al successivo bivio si continua dritto (la via di sinistra conduce a Poggio Perugino), ancora avanti si oltrepassa un altro incrocio, trascurare la strada di sinistra (Via San Valentino), subito dopo si costeggia il torrente del Fosso della Mola e si giunge al crocicchio con Via Piedimonte.

Conviene trovare un parcheggio nei pressi dell’incrocio, quota 470 m.

Descrizione:

Si imbocca Via Piedimonte, strada cementata che in ripida salita porta al quadrivio della località la Madonnetta 540 m, si passa accanto ad alcune case isolate dove potrebbero esserci dei cani a guardia, fare un po’ di attenzione soprattutto se si è soli.

Si continua a destra, la strada sale prima in direzione Ovest e poi Nord-Ovest. A quota 700 m, circa, c’è un bivio; dritti si segue un sentiero segnato chiamato “Anello trekking Bruno Grossi”, si va a sinistra (Sud) e si giunge, in poco tempo, presso le Fonte Arapecchia, quota 731 m, asciutta.

Ancora avanti, dopo aver percorso una lunga diagonale e due tornanti (al lato del secondo c’è una piccola pozzanghera, 910 m), si arriva nei pressi di un rifugio (piccola deviazione a destra), quota 999 m, situato a Sud della Costa Mosca Castagna, 1,30 ore - ascesa 530 m.

Sempre lungo il largo sentiero, tra radure e bosco (percorribile da buoni mezzi fuori strada) si perviene al valico di quota 1060 m, tra il Colle Crocestone a Nord e il Colle Crocetta a Sud (15 minuti dal rifugio).

Ora si segue la mulattiera che scende a mezza costa nel bosco in direzione Sud-Ovest, a quota 1040 m cambia direzione dirigendosi a Nord-Ovest e infine raggiunge la sella di quota 1024 m ai piedi della dorsale Sud-Ovest di Cimamonte (crinale che percorreremo in discesa al ritorno), qui c’è una lunga staccionata con pali di legno e filo spinato e un termine di confine (15 minuti dal valico di quota 1060 m).

Si scende lungo la valle in direzione Sud-Ovest e in pochi minuti si raggiunge una grossa sterrata nei pressi della Fonte Ferrara (non c’è acqua), quota 975 m. Si segue la strada a destra, si passa accanto al Rifugio di Fonte Ferrara (Ricovero Valle Ferrara) e dopo 2 Km circa si arriva al prato di Monte Mosca dove c’è una pozzanghera, un rifugio e alla fine della radura una Croce (30 minuti dalla sella di quota 1024 m).

Dalla Croce si risale in direzione Nord-Est la Costa Pennina, districandosi tra la bassa vegetazione, fino a toccare il grosso omino di pietre della cima Sud di Monte Porco Morto, 1242 m (rispetto alla precedente escursione, Marzo 2012, vedi articolo n. 3 con relative foto, l’omino di pietre è in parte crollato). Ancora lungo la larga cresta in direzione Nord e si raggiunge la cima 1260 m (tempo complessivo 3,30 ore - ascesa 800 m - Km 9).

Per la discesa si continua lungo la dorsale in direzione Nord, tra bosco e radure, si tocca l’anticima Nord di 1212 m e si scende alla Sella Pozzaneve 1131 m. Qui si imbocca una sterrata che scende a mezza costa in direzione Sud. A quota 1055 m si giunge ad un bivio, si continua dritti in salita fino alla sella, di quota 1087 m, tra Cimamonte a sinistra e l’Anticima Sud di Monte Porco Morto a destra, qui passa la recinzione incontrata in precedenza.

Dalla sella si sale ripidamente in direzione Est fino sulla vetta di Cimamonte 1133 m (pochi metri a Sud della cima c’è una piccola dolina dove si può fare una sosta al sole e riparati dal vento). Ora si segue lo steccato in discesa, direzione Sud-Est, fino a ritrovare la via dell’andata presso la sella di quota 1024 m. Per lo stesso sentiero si ritorna all’auto; tempo di ritorno dal Monte Porco Morto 1,45 ore - ascesa 150 m - Km 7.5.

001 -  la base di partenza per l’escursione: Via Piedimonte, strada cementata che in ripida salita porta al

quadrivio della località la Madonnetta 540 m

001

002 - particolare di Via Piedimonte, località Fosso della Mola, San Filippo, frazione del comune di Contigliano

002

003 - veduta della località la Madonnetta e del paese di San Filippo

003

004 - particolare, San Filippo e il Terminillo

004

005 - sentiero segnato chiamato “Anello trekking Bruno Grossi”

005

006 - Fonte Arapecchia, quota 731 m, asciutta

006

007 - pozzanghera al lato di un tornante, quota 910 m

007

008 - la via è sempre percorribile da buoni mezzi fuoristrada

008

009 - rifugio a quota 999 m, situato a Sud della Costa Mosca Castagna

009

010 - in fondo vista del Gruppo del Terminillo

010

011 - in vista del valico di quota 1060 m, tra il Colle Crocestone a destra e il Colle Crocetta a sinistra

011

012 - in primo piano Cimamonte e dietro il Monte Porco Morto

012

013 - dal valico di quota 1060 m (tra il Colle Crocestone a Nord e il Colle Crocetta a Sud) si segue la

mulattiera che scende a mezza costa nel bosco in direzione Sud-Ovest, a quota 1040 m cambia direzione

dirigendosi a Nord-Ovest e infine raggiunge la sella di quota 1024 m ai piedi della dorsale Sud-Ovest di

Cimamonte.

013

014 - la sella di quota 1024 m, la dorsale Sud-Ovest di Cimamonte e il Monte Porco Morto

014

015 - Rifugio di Fonte Ferrara o Ricovero Valle Ferrara, quota 975 m

015

016 - lapide sul muro del Rifugio di Fonte Ferrara o Ricovero Valle Ferrara

016

017 - pozzanghera e rifugio sul prato di Monte Mosca

017

018 - enorme albero (Acero) sulla dorsale di Costa Pennina

018

019 - Croce alla fine del prato di Monte Mosca

019

020 - si risale in direzione Nord-Est la Costa Pennina, districandosi tra la bassa vegetazione

020

021 - in vista del grosso omino di pietre della cima Sud di Monte Porco Morto, 1242 m

021

022 - rispetto alla precedente escursione, Marzo 2012 (vedi articolo n. 3 con relative foto) l’omino di pietre

è in parte crollato

022

023 - particolare del grosso omino di pietre della cima Sud di Monte Porco Morto, 1242 m

023

024 - la vetta di Monte Porco Morto, 1260 m

024

025 - Sella Pozzaneve 1131 m

025

026 - bivio di quota 1055 m

026

027 - si continua dritti in salita fino alla sella di quota 1087 m, tra Cimamonte a sinistra e l’Anticima Sud

di Monte Porco Morto a destra

027

028 - sella di quota 1087 m, in primo piano il Monte Cimamonte

028

029 - la vetta di Monte Cimamonte, 1133 m

029

030 - da Cimamonte si segue lo steccato in discesa, direzione Sud-Est, fino a ritrovare la via dell’andata

presso la sella di quota 1024 m

030

031 - la recinzione di filo spinato sulla dorsale Sud-Ovest di Cimamonte

031

032 - un albero “spettrale” lungo la dorsale Sud-Ovest di Cimamonte

032

033 - termine di confine presso la sella di quota 1024 m ai piedi della dorsale Sud-Ovest di Cimamonte

033