Appennino oltre i 2000 metri

Monte Bicco, Monte Bove Sud, Monte Bove Nord, Croce di Monte Bove: da Frontignano di Ussita per il Monte Cornaccione

Monte Bicco, Monte Bove Sud, Monte Bove Nord

Croce di Monte Bove

da Frontignano di Ussita

base di partenza: arrivo seggiovia di Monte Cornaccione

Nota:

giro ad anello (22 Giugno 2016)

tempo del giro 5,15 ore - ascesa 800 m - Km 14 - Traccia GPX

Fare riferimento alla cartina “PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI, carta dei sentieri, scala 1:25000, Edizione 2006, Società Editrice Ricerche, Folignano, Ascoli Piceno”

Percorso auto:

Da Terni si percorre la Strada Regionale 209 della Valnerina. Arrivati a Visso (Comune nella Provincia di Macerata) si seguono le indicazioni per Ussita (Comune composto da numerose frazioni). Superata la frazione Sasso si giunge a Fluminata dove all’incrocio si prende a destra per Frontignano di Ussita.

Al bivio del Pian della Croce si va a sinistra verso gli impianti sciistici, passato il Pian dell’Arco si arriva sul piazzale dell’Hotel Felicita, c’è la Fonte di Frontignano, quota 1345 m (qui parte la seggiovia che arriva alla base del Monte Bicco).

Spalle all’Hotel si continua a salire per la strada di sinistra fino a quota 1385 m dove c’è un incrocio con una strada sterrata, la strada asfaltata inizia a scendere a destra per ricollegarsi più in basso con la strada principale al Pian dell’Arco.

Si può parcheggiare qui e continuare a piedi lungo la strada sterrata fino all’impianto d’arrivo della seggiovia di Monte Cornaccione (3,2 Km - ascesa 250 m - 45 minuti) oppure si continua in auto, se 4x4 meglio, fino a quota 1632 m (si parcheggia alla fine del bosco 100 metri prima dell’impianto d’arrivo).

Descrizione:

A piedi si continua a seguire la sterrata che dopo essere passata vicino all’arrivo superiore della seggiovia aggira il Monte Cornaccione da Sud e si dirige verso il Passo Cattivo. A quota 1775 m, dopo circa 30 minuti, la si lascia per dirigersi verso Nord (sinistra) in direzione di altri impianti sciistici (frecce escursionistiche di legno).

Si sale senza via obbligata il costone erboso ad Est del Monte Cornaccione (i segni del CAI non sempre sono evidenti); con una deviazione a sinistra di 15 minuti, tra andata e ritorno, si può raggiungere la vetta, 1769 m.

Passato l’arrivo dell’impianto di risalita che si trova più in alto si piega in direzione Nord seguendo una evidente traccia che sfiora un grande traliccio (antica funivia che arrivava sul Monte Bove Sud) e raggiunge la cresta tra il Monte Bicco e il Monte Bove Sud. Si piega a sinistra, si passa tra alcune roccette e si raggiunge la vetta del Monte Bicco 2052 m (1,30 ore - ascesa 420 m - 3 Km). 

Si ritorna indietro e si percorre tutta la cresta in direzione Est fino a toccare l’omino di pietre del Monte Bove Sud 2169 m (30 minuti - ascesa 120 m - 1 Km). 

Si prosegue verso Nord sull’ampia cresta in discesa fino alla base del Monte Bove Nord, quota 2000 m circa, da qui in poco tempo si guadagna la vetta 2112 m (50 minuti - ascesa 110 m - 3 Km).

Si scende in direzione Ovest puntando alla visibilissima Croce che si raggiunge senza problemi, quota 1905 m (1,2 Km - 30 minuti).

Al ritorno, percorsa la stessa via d’andata per circa 300 metri (7 minuti), si imbocca un sentiero a destra (Sud-Est) che scende nell’anfiteatro della Val di Bove; dobbiamo prendere come punto di riferimento i piedi della parete Nord del Monte Bicco dove transita, tagliando tutto il versante della stessa montagna, una visibilissima sterrata che sembra terminare nel prato sottostante. Scendendo bisogna seguire la traccia che rimane a mezza costa più in alto possibile, quella segnata sulla cartina perde troppa quota; più in basso la traccia sparisce e si continua sul prato. Cosi facendo si raggiunge direttamente la base dello spigolo della parete Nord del Monte Bicco, quota 1730 m, dove si segue la sterrata che sale aggirando la montagna; dall'altra parte si riprende il tracciato percorso all’andata chiudendo il giro (1,50 ore - ascesa 100 m - Km 5)

cartina 1-1

anello Monte Bove

001 - impianto d’arrivo della seggiovia di Monte Cornaccione

001 

002 - in primo piano il Monte Bicco

002 

003 - da Monte Cornaccione, 1769 m, uno sguardo verso Frontignano di Ussita

003 

004 - Monte Bicco 2052 m

004 

005 - Frontignano di Ussita e gli impianti di risalita

005 

006 - un antico traliccio utilizzato per una cabinovia che sorvolava l’anfiteatro della Val di Bove

006 

007 - pochi minuti per salire sul Monte Bicco

007 

008 - dal Monte Bicco uno sguardo verso i prati di Frontignano di Ussita

008 

009 - i tralicci che caratterizzano questa zona

009 

010 - salendo verso il Monte Bove Sud, uno sguardo indietro, Monte Bicco

010 

011 - il Monte Bove Sud, 2169 m, e la costruzione che era l’impianto di arrivo della cabinovia

011 

012 - particolare dell’arrivo della cabinovia, tutto distrutto

012 

013 - verso il Monte Bove Nord

013 

014 - dal Monte Bove Nord, 2112 m, vista del Pizzo Tre Vescovi, 2092 m, e la Forcella del Fargno, 1811 m,

con l’omonimo Rifugio

014 

015 - in fondo la Croce di Monte Bove

015 

016 - Croce di Monte Bove 1905 m

016 

017 - Croce di Monte Bove

017 

018 - la Val di Bove e la parete Nord del Monte Bicco

018 

019 - l’anfiteatro della Val di Bove

019 

020 - alcuni camosci al sicuro sulla parete Nord del Monte Bicco

020 

021 - aggiramento del Monte Bicco

021 

022 - uno sguardo all’indietro; la Val di Bove e la Croce di Monte Bove

022

023 - la cresta Ovest del Monte Bicco

023 

024 - il Cristo delle Vette

024