Appennino oltre i 2000 metri

La Vedetta o Cima Biscurri-Monte Tartaro: dal Pianoro di Campitelli

 

La Vedetta o Cima Biscurri-Monte Tartaro

 dal Pianoro di Campitelli

Introduzione:

La Vedetta è una cima completamente sconosciuta dagli escursionisti, si trova fuori dalle vie normali che percorrono le Mainarde.

Quotata su IGM 2007 m (ma senza nome) è stata scoperta da appassionati camminatori e segnalata al Club 2000 metri che l'ha inserita nella lista delle montagne dell’Appennino superiori ai 2000 metri con il nome di Cima Biscurri (Biscurri è l’altopiano ondulato che separa questa elevazione dal Monte la Meta).

escursioni simili:

Monte Petroso Anticima Sud (Cima Innominata), Monte Altare, Monte Tartaro; dal Prato di Mezzo (Picinisco - FR)

Monte Tartaro

Note:

prima ricognizione effettuata a fine estate 2011, ultima ricognizione autunno 2018

tempo complessivo: 5,30 ore - ascesa 900 - Km 15,5 - Traccia GPX

tempo di salita fino alla Vedetta: 2 ore - ascesa 650 m - Km 6,5 - 

dalla Vedetta al Monte Tartaro: 1 ora - ascesa 250 m - Km 2,5

tempo di discesa dal Monte Tartaro: 2,30 ore - Km 6,5

Fare riferimento alle cartine:

"CARTA TURISTICA DEL PARCO NAZIONALE D'ABRUZZO - scala 1:50000"

Monti Marsicani-Mainarde-Valle del Giovenco-Monti della Meta - numero 11 - Carta Escursionistica Scala 1:25.000 - Pescasseroli-Opi-Barrea-Villetta Barrea-Civitella Alfedena - Edizioni IL LUPO

Percorso auto:

Dall’autostrada A25 Torano-Pescara (Strada dei Parchi) si esce al casello di Pescina e si prende la S.S. Marsicana, numero 83.

Si attraversa Gioia dei Marsi, il Valico del Passo del Diavolo, Pescasseroli, Opi, Villetta Barrea, Barrea e si prosegue per Alfedena (provincia L'Aquila).

Al bivio presso l’ultimo curvone prima di entrare nel paese, si va a destra seguendo le indicazioni per  Lago Montagna Spaccata e Campitelli (in caso di dubbio, potrebbe non esserci nessuna indicazione dato che i cartelli sono tutti fatiscenti, non esitare a chiedere alla gente del luogo).

Si sale lungamente su strada asfaltata che presenta ogni tanto qualche buca, ad una biforcazione trascurare la strada di destra che porta al Lago e continuare a sinistra fino al prossimo incrocio dove si va a destra per Campitelli, cartello turistico giallo ridotto ormai a colabrodo dalle fucilate.

Questo punto si può raggiungere anche dalla Strada Statale della Valle del Volturno numero 158, in questo caso arrivati ad Alfedena si attraversa il paese e si seguono le indicazioni per Castel San Vincenzo, al Km 6,6 circa, dopo il Casone San Francesco, si stacca a destra la strada che in poco tempo porta al bivio.

Si sale ancora per qualche chilometro, con ampi tornanti, fino a giungere sul pianoro di Campitelli, quota 1450 m, dove si parcheggia vicino ai cartelli escursionistici del PNALM che indicano l’inizio dei sentieri L

Descrizione:

Si inizia a camminare in piano sullo stradino sterrato in direzione Nord-Ovest seguendo il sentiero L1-L2-K2 entrando quasi subito nella faggeta secolare.

Dopo poche centinaia di metri, ad un bivio, si va a sinistra trascurando a destra la sterrata che corrisponde al sentiero K2 diretto al Lago Spaccato; si sale per pochi metri e poi si prosegue in netta discesa.

Si attraversa una macchia caratterizzata da altissimi faggi e si raggiunge il fondo di un vallone boscoso dove la strada sembra terminare, quota 1427 m. Qui, a sinistra, parte un’evidente mulattiera, segnata con bandierine bianco-rosso e numero L1, che risale, a strette serpentine, tutto il largo canalone; a destra si trascura il sentiero L2 che scende lungo un fosso fino ad incrociare il sentiero K3 nella località “le Porcine”.

Usciti dalla faggeta il sentiero, sempre molto evidente e segnato, passa accanto ai ruderi di un antico Fortino, quota 1712 m. Dal Fortino, guardando in direzione Nord si nota la cima che dobbiamo raggiungere con il suo versante Sud molto scosceso, breccioso e roccioso.

Conviene abbandonare la via segnata e traversare tutto il pianoro del Biscurri in direzione Nord-Ovest cercando di fare meno saliscendi possibili e di portarsi sul versante occidentale (Ovest) della montagna. A quota 1830 m si attraversa un pianoro erboso dove c’è una pozzanghera, si segue una traccia di sentiero che ci porta sotto una bella costa rocciosa molto caratteristica, perché frastagliata, dove i massi sembrano uscire dal terreno ognuno indipendente dall’altro, c’è una piccola sorgente con acqua che scende a forma di “pisciarelli”, quota 1900 m.

Si prosegue aggirando i massi tenendoli sulla destra e si ruota progressivamente verso Nord-Est fino a raggiungere l’ampia cresta a quota 1990 m circa; da qui seguendo il crinale in direzione Est si tocca la Cima Biscurri o La Vedetta 2007 m (tempo di salita: 2 ore - ascesa 650 m - Km 6,5 circa)

Ottima vista sul Monte Tartaro, sulla Meta, sulla Metuccia, Monte a Mare, sul pianoro del Lago Vivo, su Campitelli e verso il Molise.

Dalla vetta si ripercorre il tratto di cresta fatto in salita e poi si continua sulla dorsale prima in direzione Ovest, poi Nord-Ovest ed infine Sud-Ovest fino sulla cima del Monte Tartaro. IL percorso non è segnato, si procede sfruttando tracce di sentiero e si devono oltrepassare sfasciumi di rocce stando molto attenti a non mettere un piede nelle buche (dalla Vedetta: 1 ora - ascesa 250 m - Km 2,5).

La discesa si fa per la stessa via di salita fino a quota 2040 m circa poi si segue, in direzione Sud, una traccia di sentiero ogni tanto marcata da frecce o bandierine rosse (in parte sbiadite). In fondo comunque si nota il pianoro erboso con la pozzanghera toccata all’andata ed è li che puntiamo. Raggiunto il piccolo laghetto si continua lungo la via seguita la mattina. (dal Monte Tartaro: 2,30 ore - Km 6,5)

cartina 1-3

cartina 1-3 Cima Biscurri-Monte Tartaro

cartina 2-2

cartina 2-3 Cima Biscurri-Monte Tartaro

cartina 3-3

cartina 3-3 Cima Biscurri-Monte Tartaro

grafico altimetrico

grafico altimetrico La Vedetta o Cima Biscurri-Monte Tartaro

001 - indicazioni per Campitelli, salendo da Alfedena per il Lago Montagna Spaccata

001

002 - pianoro di Campitelli, quota 1450 m, dove si parcheggia vicino ai cartelli escursionistici del

PNALM che indicano l’inizio dei sentieri L

002

003 - percorriamo il sentiero L1 che da Campitelli porta al Passo dei Monaci, antico collegamento

tra le regioni Abruzzo, Molise e Lazio

003

004 - all’uscita del bosco, inizio piano ondulato del Biscurri

004

005 - i ruderi di un antico Fortino e la Cima Biscurri 2007 m

005

006 - il Fortino diruto, quota 1775 m

006

007 - il Fortino diruto, quota 1775 m, particolare

007

008 - il Fortino diruto, quota 1775 m, particolare

008

009 - la Cima Biscurri vista dal Fortino diruto

009

010 - l’altopiano ondulato del Biscurri e la Cima Biscurri

010

011 - la sagoma del Monte la Meta oscurata dal passaggio di nuvole a bassa quota

011

012 - un piccolo laghetto-pozzanghera in una conca dell’altopiano del Biscurri

012

012a - la pozzanghera quota 1830 m

012a

012b - la sorgente "pisciarelli" quota 1900 m

012b

012c - particolare della sorgente

012c

013 - …conviene abbandonare la via segnata e traversare tutto il pianoro del Biscurri in direzione

Nord-Ovest cercando di fare meno sali e scendi possibili

013

014 -  versante occidentale della Cima Biscurri, caratterizzata da una serie di lastroni di roccia

calcarea

014

015 - particolare delle rocce viste dall’alto

015

016 - …seguendo tracce di sentiero si raggiunge la cresta (quota 1900 m circa)…

016

016a - Camoscio curioso

016a

016b - Camoscio con il bellissimo mantello invernale

016b

016c - Camoscio...aspettando la prima neve

016c

017 - l’altopiano ondulato del Biscurri, la Metuccia e Monte a Mare: la giornata meteo non è

delle migliori

017

018 - in fondo la Cima Biscurri 2007 m

018

019 - la Cima Biscurri 2007 m

019

020 - la Cima Biscurri 2007 m

020_a

021 - la Cima Biscurri e il fortino, in fondo il pianoro di Campitelli

021a

022 - la Cima Biscurri vicinissima

022_a

023 - la conca del Lago Vivo visto dalla Cima Biscurri

023_a

024 - il Monte Iamiccio visto dalla Cima Biscurri

024_a

025 - il Pianoro di Campitelli a sinistra e il Pianoro le Forme a destra, visti dalla Cima Biscurri

025_a

026 - Ottobre 2018, la nebbia la fa da padrona. La Vedetta o Cima Biscurri, quota 2007 m

026

027 - dalla Cima Biscurri verso il Monte Tartaro

027

028 - la cresta Nord-Est del Monte Tartaro piena di sfasciumi

028

029 - in vista della vetta del Monte Tartaro nella nebbia

029

030 - Monte Tartaro 2191 m

030

031 - rocce che sembrano piantate nel terreno

031

032 - in fondo il pianoro con il piccolo laghetto da avere come riferimento per la discesa

032