Appennino oltre i 2000 metri

Monte Rocca Altiera, Monte Bellaveduta

 

Monte Rocca Altiera - Monte Bellaveduta

Guado delle Capre - Bellaveduta Sud-Ovest

dal sentiero O6 PNALM

Introduzione:

Sono due montagne superiori ai 2000 metri fino a pochi anni fa completamente sconosciute agli escursionisti. Di solito da Settefrati si preferisce percorrere la Valle di Canneto e fare la classica salita al Rifugio di Forca Resuni dal versante laziale.

Dalla cresta eccezionale il panorama sulle Mainarde e sul “cuore del parco” dalla Costa Camosciara fino alla Meta.

Fare riferimento alla "CARTA TURISTICA DEL PARCO NAZIONALE D'ABRUZZO, scala 1:50000"

Tempo complessivo della gita: 8,15 ore - ascesa 1250 m - Km 20 - Traccia GPX

Nota:

le foto da 001 a 019 sono relative ad un'escursione effettuata a Giugno 2007

quelle da 020 a 025 sono datate Giugno 2012

le foto da 026 a 045 sono di Ottobre 2019

Percorso auto:

Giunti a Settefrati (provincia di Frosinone) si seguono le indicazioni per il Santuario della Madonna di Canneto. Al primo tornante, dopo l’uscita dal borgo, si continua per la strada principale (asfaltata) trascurando quella che va dritta e porta alla Fonte Canari e alla Valle Canari. Percorsi circa 5 Km dell’ampia strada, per la Val Canneto, si incontra a sinistra una evidente strada bianca, quota 1100 m, qui si parcheggia.

Se per distrazione si prosegue in auto dritti si arriva su un piazzale dove la via curva verso sinistra e a destra c’è una grande statua di Don Bosco, si ritorna indietro con l’auto fino a trovare l’inizio dell’itinerario.

Descrizione:

Parcheggiata l’auto, a piedi si imbocca la sterrata caratterizzata da una sbarra aperta e da un cartello di divieto di transito (tranne autorizzati). All’inizio della via, su una pietra c’è segnato il numero del sentiero del Parco, O6.

Percorso 1 Km circa si arriva ad un bivio con una carreggiata a sinistra che porta alla Fonte della Rocca, quota 1176 m. Si prosegue lungo la strada principale e dopo un tornante si giunge ad una biforcazione, quota 1250 m circa, la strada di sinistra, più battuta, porta verso il Colle Alto, si trascura e si continua dritti, direzione Sud-Est.

Si sale prima a mezza costa poi a tornanti lungo la dorsale Sud della montagna, c’è la possibilità di tagliare le curve seguendo un vecchio sentiero segnato solo all’imbocco sia a valle che a monte, ma conviene farlo al ritorno in discesa.

La strada, a tratti cementata, entra e esce dal bosco, si inerpica con tornanti su ripide e panoramiche radure,  infine esce definitivamente dalla macchia e tocca la Fonte Palmelle 1665 m dove si fa rifornimento d'acqua; alla mia ultima ricognizione, Ottobre 2019, era secca.

Poco avanti, passato un piccolo ricovero con tetto ma aperto da tutti i lati e un impianto di telecomunicazioni, si giunge presso la Fonte Casalorda, quota1713 m, acqua non potabile; sotto a sinistra c’è un fontanile, di fronte a noi, dove termina la sterrata, c’è un grosso bottino alimentato dalla sorgente della vecchia Fonte Casalorda che si trova più a monte, quota 1750 m.

Si continua su un sentiero a mezza costa, in direzione Nord, che risale la dorsale Casalorda fino ad un’altra antenna posta in un pianoro a quota 1800 m oppure possiamo risalire il pendio erboso e roccioso in direzione Nord-Est seguendo una vecchia tubatura di gomma che porta nei pressi di un vecchio invaso ora fangoso e con poca acqua. Una volta raggiunta la pozza ci si dirige verso Nord verso l’antenna e più avanti si incontra il sentiero O6.

Sempre seguendo il sentiero PNALM O6 si attraversa una zona distinta da una miriade di rocce affioranti, la traccia diventa poco evidente e bisogna districarsi tra queste rocce sfruttando delle piccole radure di erba fino ad arrivare su un valico chiamato Guado delle Capre 1926 m.

Possiamo raggiungere la cima del Guado delle Capre che abbiamo di fronte in direzione Nord-Est; si continua tra rocce ed erba, si scende su un prato e si risale scegliendosi la via migliore fino sulla panoramica vetta di quota 1962 m (fin qui dalla partenza: 2,50 ore - ascesa 830 m - Km 7).

Si prosegue in direzione Ovest rimanendo sull’accidentata cresta o spostandosi, di pochi metri, verso sinistra dove il terreno è più comodo. Superata in diagonale una piccola e facile paretina rocciosa si riprende, dall’altra parte, il sentiero che si segue a destra. Abbandonata nuovamente la traccia si sale dritti fin sulla vetta del Monte Rocca Altiera, quota 2018 m (0,40 ore - ascesa 100 m - Km 1,2).

Si prosegue sulla cresta in direzione Nord, bella vista sulla Valle di Canneto e la Valle Tre Confini, in questo tratto di percorso c’è la possibilità di fare incontri ravvicinati con i camosci. Si supera il Valico delle Portelle 2000 m circa (così è scritto su una roccia anche se, sulla carta IGM, il Valico è riportato più a Nord a quota 1900 m) si piega a sinistra (Ovest) e si giunge sul Monte Bellaveduta 2061 m (da Rocca Altiera: 1 ora - ascesa 100 m - 1,7 Km).

Si può fare una bella “cavalcata di cresta” della Bellaveduta in direzione Sud-Ovest e raggiungere la quota di 1985 m ed oltre, tra andata e ritorno dalla vetta più soste: 1 ora - ascesa 140 m - Km 2.

IL ritorno si fa per la via d’andata, magari tagliando qualche tornante, dal Monte Bellaveduta 2,45 ore - ascesa 80 m - Km 8

cartina 1-4

cartina 1-4

cartina 2-4, particolare

cartina 2-4

cartina 3-4, particolare

cartina 3-4

cartina 4-4, particolare

cartina 4-4

001 - Statua di San Giovanni Bosco, strada Settefrati (Frosinone)-Santuario Madonna di Canneto 

001

002 - qualche centinaio di metri prima di raggiungere la statua c'è l'inizio dell' itinerario

P.N.A.L.M. O6

002

003 - inizio sentiero per Rocca Altiera e Monte Bellaveduta

003

004 - la cresta tra Monte Rocca Altiera e Monte Bellaveduta

004

005 - salendo su Monte Rocca Altiera vista di Monte Forcellone e Monte Cavallo

005

006 - la Fonte Palmelle 1665 m

006

007 - la vecchia Fonte Casalorda 1750 m

007

008 – Monte Rocca Altiera e Monte Bellaveduta

008

009 - si continua a salire districandosi tra un'infinità di rocce

009

010 - ottimo panorama sul Monte Tartaro e La Meta

010

011 - la Meta e Monte a Mare

011

012 - i Monti di Prato di Mezzo, le Mainarde

012

013 - Monte Cavallo e Monte Forcellone

013

014 - da Monte Rocca Altiera vista di Forca Resuni e il Petroso

014

015 - Giuseppe sul Monte Rocca Altiera 2018 m

015

016 - il Valico delle Portelle e Monte Bellaveduta 2061 m

016

017 - dal Monte Bellaveduta vista del Monte Tartaro, La Meta e le Mainarde

017

018 - Balzo della Chiesa, Capraro, Forca Resuni e Petroso

018

019 - Giuseppe sul Monte Bellaveduta 2061 m

019

020 - la seconda volta sul Monte Rocca Altiera 2018 m

020

020a - Camosci (molto sospettosi) lungo la cresta tra il Monte Rocca Altiera e Monte Bellaveduta

020a

021 - la seconda volta sul Monte Bellaveduta 2061 m, a sinistra si nota il Monte la Meta

021

022 - uno sguardo a 180 gradi dal Monte Bellaveduta verso Nord, su una zona poco nota del PNALM

022

023 - uno sguardo dal Monte Bellaveduta verso Nord

023

024 - uno sguardo dal Monte Bellaveduta verso Nord

024

025 - uno sguardo dal Monte Bellaveduta verso Nord

025

026 - il paese di Settefrati, provincia di Frosinone

026

027 - Fonte Palmelle, asciutta

027

028 - nei pressi della Fonte Casalorda

028

029 - il bottino della Fonte Casalorda

029

030 - la vecchia Fonte Casalorda

030

031 - la sorgente della Fonte Casalorda

031

032 - un nuovo ed "infelice fontanile"; costruito dove non c'è acqua.

032

033 - vecchio invaso, ora con poca acqua e fangoso

033

034 - in primo piano, a destra dell'evidente valle, si nota la Torretta di Paradiso, in fondo Monte

la Meta

034

035 - l'impianto di telecomunicazione sul pianoro a quota 1800 m

035

036 - un numero incalcolabile di rocce affioranti

036

037 - in fondo, al centro della foto, il Monte Guado delle Capre

37

038 - la Valle Tre Confini, da destra si nota il Monte Petroso, il Monte Capraro, il Balzo della

Chiesa e i Tre Mortari

38

039 - Rocca Altiera ed il Monte Bellaveduta

39

040 - i Tre Mortari visti dal Monte Rocca Altiera

40

041 - particolare dei Tre Mortari

41

042 - Monte Rocca Altiera

42

043 - Monte Bellaveduta

43

044 - uno sguardo dal Monte Bellaveduta verso Monte Bellaveduta Sud-Ovest

44

045 - uno sguardo dal Monte Bellaveduta Sud-Ovest verso il Monte Bellaveduta

45