Appennino oltre i 2000 metri

Monte Gorzano; per lo Stazzo di Gorzano ed il Colle Vacciuno

Monte Gorzano

Colle Vacciuno

dal Sacro Cuore di Capricchia (Amatrice) per lo Stazzo di Gorzano e la cresta Ovest

Introduzione:

Monte Gorzano con la sua altezza di 2458 m è la montagna più alta del Lazio.

IL Colle Vacciuno (foto da 030 a 039), quota 1902 m, è l'ultima propaggine della cresta Ovest del Monte Gorzano. Più in basso la dorsale si divide in alcuni crinali erbosi e rocciosi, tutti molto ripidi, che precipitano verso il sottostante borgo di Preta, frazione di Amatrice. 

ultima ricognizione Luglio 2019

Tempo di salita compreso il Colle Vacciuno: 3,30 ore - ascesa 1200 m - Km 8 - Traccia GPX 

Tempo di salita sul Monte Gorzano senza passare per il Colle Vacciuno: 2,30 ore

Tempo di discesa dal Monte Gorzano: 2 ore

Fare riferimento alla cartina "MONTI DELLA LAGA, nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, carta dei sentieri, scala 1:25000, SER Società Editrice Ricerche, S.E.L.C.A. Firenze"

altre escursioni:

Monte Gorzano-Cima della Laghetta: da Cesacastina per la Sorgente Pane e Cacio

Monte Gorzano-Monte Spaccato-Monte Pelone Meridionale-Cascata delle Barche-Cascata di Trecina Bassa: dal Sacro Cuore di Capricchia (Amatrice)

Monte Gorzano: da Cesacastina per la Valle delle Cento Cascate e la Costa delle Troie

Monte Gorzano-La Cipollara-Anticima Nord della Cima della Laghetta: dal Sacro Cuore di Capricchia (Amatrice)

Percorso auto:

Da Rieti o Ascoli Piceno si percorre la S.S. Salaria n° 4, giunti al bivio per Amatrice si devia per il paese che si attraversa passando per la via centrale. All’uscita Sud-Est dell’abitato c’è un incrocio, trascurare la strada di destra per Montereale e proseguire dritti per 4,5 Km fino a un quadrivio dove ci sono le indicazioni per la frazione di Capricchia (primo stradino a sinistra).

Giunti nella piccola piazza si notano le indicazioni per il Sacro Cuore e il Monte Gorzano, imboccare in salita la stretta strada a destra (strada asfaltata ma piena di buchi), superato il Fosso di Valle Conca (sulla destra c’è una presa d’acqua dell’Enel) si arriva sul pianoro del Sacro Cuore dove si parcheggia subito a sinistra su uno slargo, località Capo la Valle, quota 1381 m.

Descrizione:

A piedi si imbocca la sterrata di fronte al parcheggio, direzione Nord-Est; percorsi meno di trecento metri, prima che la strada inizia a scendere verso il Fosso di Selva Grande, sulla destra parte la mulattiera per la Sella della Solagna e Monte Gorzano (indicazioni).

Imboccato il sentiero si sale subito ripidamente verso il Colle del Vento (ottima la visuale sul Gruppo del Terminillo), ad un bivio trascurare la via di sinistra che scende verso l’imponente cascata delle Barche e di Trecina Bassa e seguire quella di destra.

Superata la Sorgente Piani Fonte, 1545 m, si percorrono poche centinaia di metri e si giunge ad una biforcazione, quota 1559 m; dritti si va verso la Sella della Solagna, a destra, in netta salita, si va verso il Monte Gorzano.

Si prende a destra, si sale a tornanti e lunghi traversi fino a sfiorare, a quota 1765 m, il Fosso del Gorzano (Km percorsi 2 - tempo di salita 1 ora - ascesa 350 m), sulla sinistra c’è una traccia non segnata che, dopo una ripida discesa, consente di toccare il torrente (20 minuti tra andata e ritorno).

Ancora in salita si esce dal bosco e si entra nell’ampia radura dove si incontra il basamento in pietra di un antico stazzo, si piega a sinistra e, risalita la scarpata erbosa soprastante, si passa accanto ai ruderi dello Stazzo di Gorzano, quota 1882 m.

Sempre avanti a mezza costa, dopo aver superato alcuni fossi, si giunge sulla cresta Ovest del Gorzano (vedi nota) a quota 2041 m , da dove si vede una parte del Lago di Campotosto (tempo impiegato dall’auto 1,30 ore).

Nota: Se si ha intenzione di andare sul Colle Vacciuno, prima di toccare la cresta Ovest del Gorzano, conviene, giunti a quota 2000 m circa, fare un traverso sulla destra cercando di sfruttare una debole traccia tra l'erba falasca e roccette. Si raggiunge cosi il crinale a quota 2010 m, avendo aggirato un evidente salto di roccia che abbiamo a sinistra; è l'unica difficoltà della via se si vuole percorrere integralmente la cresta.

Ora si continua a scendere lungo la ripida ed erbosa dorsale, cercandosi la via migliore tra l'erba falasca; il percorso è senza difficoltà alpinistiche, bisogna stare attenti solo a non scivolare sull'erba alta. Si raggiunge cosi un isolato cespuglio di alberi con accanto una Croce metallica che indica la località Colle Vacciuno 1902 m. Stessa via al ritorno; dalla deviazione di quota 2000 m, tra andata e ritorno ci si impiega: 1 ora - ascesa 100 m - Km 1,4.

Ripresa la cresta a quota 2041 m, senza possibilità d’errore, la si percorre tutta fino a giungere in vetta, quota 2458 m (1 ora, Km percorsi dalla partenza 6,1 - ascesa 1100 m). Dalla cima lo sguardo si allarga sul Gruppo del Gran Sasso, sui Sibillini, sui restanti Monti della Laga e i paesi sottostanti.

La discesa si effettua per la via di salita.

Nota: le foto dal n. 001 al n. 015 sono relative ad una escursione effettuata il 23 Settembre 2004,

le altre foto (se non altrimenti specificato) sono state scattate il 4 Maggio 2012

cartina

cartina Colle Vacciuno-Monte Gorzano

001 - Dal Sacro Cuore di Capricchia, Amatrice, salendo sul Monte Gorzano, la più  alta montagna  del Lazio.

Nella salita fatta il 4 Maggio 2012 la freccia di legno non c'è più.

001

002 - Il Terminillo visto dal Colle del Vento 1483 m, salendo da Capricchia sul Monte Gorzano

002

003 - Il Fosso di Gorzano visto dallo stazzo di Gorzano

003

004 - Giuseppe Albrizio nel Fosso di Gorzano, si può fare rifornimento d'acqua

004

005 - Lo Stazzo di Gorzano 1882 m, in fondo la Cima Lepri 2445 m

005

006 - Dallo Stazzo di Gorzano vista del Pizzo di Moscio 2411 m e del Fosso e Sella della Solagna

006

007 - Cresta Ovest del Gorzano

007

008 - Cresta Ovest del Gorzano

008

008a - una Croce sull'anticima Ovest del Mont Gorzano, quota 2180 m (ricognizione Luglio 2019)

008a

009 - Il Gorzano 2458 m con un gregge al pascolo

009

010 - Vetta del Gorzano 2458 m

010

011 - Giuseppe sulla Vetta del Gorzano 2458 m

011

011a - la Croce del Monte Gorzano dopo il terremoto ad Amatrice del 24 Agosto 2016

(ricognizione Luglio 2019)

011a 

011b - particolare della lapide a ricordo di coloro che sono periti durante il terremoto

011b

012 - Dal Gorzano uno sguardo sulla Montagna dei Fiori e di Campli

012

013 - Dal Gorzano la Catena del Gran Sasso e a sinistra dei Due Corni si nota la Maiella

013

014 - Dalla vetta del Gorzano vista della cresta Ovest appena percorsa

014

015 - Capricchia, frazione del comune di Amatrice, base di partenza per il Monte Gorzano

015

Escursione del 04 Maggio 2012

016 - Sacro Cuore di Capricchia, 1381 m (Amatrice), base di partenza per la

salita sul Monte Gorzano. Nella foto si nota la montagna da raggiungere

016a

017 -  Il Gruppo del Terminillo visto salendo sul Monte Gorzano dal Sacro Cuore di Capricchia,

particolare. Si nota a sinistra il Monte Elefante e a destra il Monte di Cambio.

017

018 - lo Stazzo di Gorzano come si trova oggi, anno 2012 (vedi la differenza nella foto n. 005

scattata il 23 Settembre 2004). In fondo la Cima Lepri

018   

019 - il Fosso di Gorzano e il Monte Gorzano visti dallo Stazzo di Gorzano

019 

020 - Pizzo di Moscio, la Sella della Solagna e il Monte Pelone

020

021 - si nota in basso il Sacro Cuore di Capricchia, al centro della foto Amatrice e in fondo il

Monte Pozzoni o Pizzuto

021

022 - la cresta Ovest del Monte Gorzano

022

023 - lungo la cresta Ovest del Monte Gorzano

023

024 - salendo lungo la cresta Ovest del Monte Gorzano si nota: la testa del Fosso di Ortanza, la

Sella del Gorzano (dove c'è presente un piccolo laghetto) e il Gran Sasso con il Pizzo

d'Intermesoli, il Monte Corno e il Pizzo di Camarda

024

025 - sulla vetta insieme a Giuseppe Tuccillo

025

026 - i ripetitori passivi un tempo presenti sulla vetta (foto del 12 Agosto 1990) 

026

027 - particolare (foto del 12 Agosto 1990)

027

028 - incontro casuale con un amico e forte alpinista, Remo Zavarella (21 Giugno 2015)

da sinistra: Vittorio, Giuseppe, Remo, Marina, Antonio, Maria

028

029 - sulla vetta con Roberto (a sinistra) e Michele (a destra) della Prov. di Ancona, 21 Giugno2015

029

030 - il Colle Vacciuno visto dal Sacro Cuore di Capricchia, Amatrice 

030a

031 - aggiramento dello sperone roccioso della cresta Ovest del Monte Gorzano

031

032 - scendendo verso il Colle Vacciuno

032

033 - il primo paese al centro è Preta (frazione di Amatrice)

033

034 - discesa ripida ma non difficile

034

035 - per la discesa (come per la salita) si cerca la via migliore

035 

036 - la Croce di vetta ed il cespuglio di alberi

036 

037 - la Cima Lepri e a sinistra il Pizzo di Sevo

037

038 - uno sguardo alla via appena percorsa

038

039 - Preta vista dal Colle Vacciuno

039