Appennino oltre i 2000 metri

Monte Gorzano; da Cesacastina per la Valle delle Cento Cascate e la Costa delle Troie

 

Monte Gorzano

 da Cesacastina per la Valle delle Cento Cascate (Fosso dell'Acero), 

 la Costa delle Troie e la Cimata

 discesa per le Cento Fonti e la sterrata

Introduzione:

Da Cesacastina 1140 m (Teramo) si sale lungo la Valle delle Cento Cascate formate dal torrente che scorre nel Fosso dell’Acero, bellissima escursione.

In pratica il Fosso dell’Acero si divide in due parti, la prima, quella più in basso, dove scorre il torrente nel bosco, prende il nome di Valle delle Cento Cascate; la seconda, fuori dal bosco, dove c’è un grande anfiteatro con numerosi valloni secondari, si chiama Valle delle Cento Fonti.

IL punto di confine tra le due Valli può essere individuato presso la Sorgente Mercurio 1759 m dove c’è uno stazzo con una capanna di lamiera, la località é segnalata da un cartello escursionistico di legno. In realtà il bottino della Sorgente Mercurio si trova più in alto a circa 1800 metri di quota nei pressi della quale termina la sterrata percorribile solo da mezzi cingolati e jeep che sale da Cesacastina, la sorgente invece si trova ancora più in alto a quota 1830 m, c'è una presa d'acqua.

Ricognizione estate 2017

tempo di salita: 4 ore - ascesa 1350 m - Km 11 - Traccia GPX

tempo di discesa: 3,30 ore - Km 11,5

Fare riferimento alla cartina "MONTI DELLA LAGA, nel Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, carta dei sentieri, scala 1:25000, SER Società Editrice Ricerche, S.E.L.C.A. Firenze"

altre escursioni:

Monte Gorzano-Cima della Laghetta: da Cesacastina per la Sorgente Pane e Cacio. Ritorno per le Cento Fonti e le Cento Cascate

Monte Gorzano: Stazzo del Gorzano-cresta Ovest-cresta Nord-M Spaccato-M Pelone Meridionale-Sella della Solagna-Fosso di Selva Grande

Percorso auto:

Da Roma si percorre la Strada dei Parchi (autostrada A24 Roma-L´Aquila-Teramo). Usciti al casello L´Aquila Ovest si prende la Strada Statale 80 del Gran Sasso d´Italia direzione Teramo; giunti al paese di Aprati si gira a sinistra per Cervaro-Crognaleto; subito dopo il ponte sul Fiume Vomano, ad una biforcazione, trascurare la strada di sinistra e continuare dritti. Al bivio successivo si gira ancora a sinistra per Cervaro-Frattoli-Cesacastina e, poche centinaia di metri dopo, ad un crocevia si va a destra per Cesacastina.

Giunti a Cesacastina si segue la strada sterrata che sale a monte del paese, traversa l’Altopiano delle Piane e porta ad un incrocio; poco prima del bivio c’è il segnale di divieto di transito, qui si parcheggia, 3 km dal paese (alla mia ultima ricognizione la carreggiata risultava molto dissestata, se non si ha un mezzo adatto, conviene parcheggiare nei pressi della chiesa ci Cesacastina dedicata ai SS Pietro e Paolo, gravemente danneggiata dal terremoto del 2016 e attualmente in ristrutturazione).  

Itinerario:

A piedi si percorre la sterrata fino alla località le Piane dove c'è un segnale di divieto di transito; poco dopo, ad un incrocio, si va a sinistra (c’è una sbarra), si scende e in breve, dopo aver lasciato a sinistra uno stradino secondario (qui arriva il Sentiero Italia 300 che parte da Cesacastina, vedi Nota), si supera su un ponte il Fosso dell’Acero e si arriva ad un altro bivio, si va a destra, si oltrepassa una sbarra, e si giunge presso un piccolo rifugio dell’Enel, 1365 m (da Cesacastina: 50 minuti - ascesa 225 m - Km 3,4).

Nota: Dalla chiesa di Cesacastina, quota 1140 m, se non si vuole camminare lungo la strada sterrata a monte del paese c'è un'alternativa: si prosegue a piedi verso Ovest lungo la strada principale, asfaltata, per la Frazione Colle, ci sono frecce escursionistiche di legno che indicano la direzione del Sentiero Italia numero 300 che dobbiamo seguire. Superate due fontane, la prima chiamata Fontana Vecchia con accanto un'edicola sacra e la seconda circondata da vasi di fiori, si esce dal paese e si avanza su strada sterrata.

Si passa accanto ad una seconda edicola sacra, poi vicino ad un'antica ed interessante fonte in arenaria lavorata (senza nome su IGM) e si giunge presso una terza edicola sacra, cappella dedicata a Santa Maria Maddalena, oltre la quale la pista si biforca, quota 1157 m. Si prende a destra in salita; la strada sempre più dissestata, diviene mulattiera. Passa accanto ad una sorgente che forma delle cascate "pisciarelli", attraversa altri rivoli d'acqua, si avvicina alla sinistra orografica del Fosso dell'Acero, compie alcuni tornanti e si immette sulla strada sopra detta (i tempi sono gli stessi, si guadagna poche centinaia di metri e pochi minuti).

Guardando il rifugio, sulla sua destra inizia la mulattiera, segnata come Sentiero Italia 300. Si sale nella faggeta, si attraversa una radura con erba molto alta, si rientra nel bosco. Più in alto si esce nuovamente su una radura e si sfiora una sterrata che si ha a sinistra. La trascuriamo e continuiamo per l'evidente traccia che rientra nel bosco e si immette su una sterrata secondaria che si segue a destra. Dopo poche centinaia di metri troviamo una biforcazione, quota 1500 m, a sinistra (Sud) si prosegue sul Sentiero Italia 300, dritti inizia il sentiero 354 che seguiamo (Nord-Ovest).

Ci avviciniamo sempre di più verso il torrente che forma le Cento Cascate, la sterrata termina a quota 1554 m circa, poco in alto a destra c'è un'edicola sacra che rimane sul bordo destro (senso orografico) del fosso. Si segue il sentiero che sale parallelo al corso d’acqua; splendido itinerario, si costeggia un torrente che scorre su lastronate di arenaria, alle spalle il Gran Sasso è sempre presente in tutta la sua maestosità. 

Per alcuni tratti si può rimanere nel letto del torrente, questo solo in estate, mantenendosi sempre sulla parte asciutta; la parte bagnata è estremamente scivolosa, se ci sono problemi tornare sui propri passi e uscire dall’alveo seguendo la riva destra senso orografico, ci sono cartelli di divieto che consigliano di rimanere esclusivamente sulla via segnata.

Il rumore dell’acqua che precipita lungo il fosso è sempre presente e ci accompagna fino alla Sorgente Mercurio. Usciti dal bosco si continua sempre lungo la riva sinistra (senso di marcia) fino ad incontrare una sterrata che arriva da destra dopo aver superato, su un ponte in cemento, il torrente che nasce sotto la Costa delle Troie. Poco oltre a sinistra c’è la scritta escursionistica "Sorgente Mercurio, 1759 m", e più a sinistra uno stazzo con una capanna di lamiera. Ci troviamo al centro dell’anfiteatro chiamato le Cento Fonti racchiuso, a destra, dalla lunga Costa delle Troie, davanti, dalla cresta dei Monti della Laghetta e, a sinistra, dal Fosso della Lagnetta (fin qui da Cesacastina: 2,15 ore - ascesa 600 m - Km 6).

Dalla quota 1759 m (ma anche mentre si risale l´ultima parte della Valle delle Cento Cascate) si nota verso destra (Est) un tratturo che sale in ripida diagonale la Costa delle Troie in direzione Sud-Est raggiungendo il filo di cresta che scende dal Gorzano nella località Arsecco (su IGM). E' questo punto che dobbiamo raggiungere per poi risalire la cresta fino sulla vetta del Gorzano facendo, prima, una deviazione verso destra sulla Cimata.

Prima di prendere il tratturo ho modo di chiacchierare con un pastore locale che scendeva con le sue pecore dall’Arsecco verso la Valle delle Cento Fonti. Questo mi dice che La Cimata in realtà non è una cima vera e propria ma indica le numerose gobbe che vi sono sulla montagna.

Oltrepassato il ponte di cemento, direzione Est, si trascura la sterrata che svolta a destra e che con numerosi tornanti scende verso Cesacastina e si continua dritti, in salita, lungo l'evidente sentiero-tratturo. Prima di giungere sulla Costa delle Troie si incontrano un paio di sorgenti dove scorre acqua buonissima (si possono riempire le borracce). Raggiunta l´Arsecco si inizia la lunga salita della cresta Sud-Est (Costa delle Troie), non c'è un vero sentiero ma la via è molto evidente. A quota 2240 m circa si iniziano ad attraversare i prati d'altura verso destra (non conviene fare il traverso prima perchè la via diventa a saliscendi e molto scomoda).

Con una diagonale verso Nord, senza nessuna difficoltà si raggiunge la cresta Est, si scende di una quarantina di metri di quota fino a toccare la Cimata (in realtà non c'è una vera e propria cima, come detto sopra dal pastore, è una località chiamata la Cimata), 2200 m, da dove si ha un bel panorama sulla Valle del Fiume Tordino, la Macchia della Fiumata, il Fosso Grande e sulla Montagna dei Fiori e di Campli.

Per raggiungere il Monte Gorzano non rimane che risalire la cresta e in poco tempo si è sulla vetta (da Cesacastina: 4 ore - ascesa 1350 m - Km 11).

In discesa si percorre la cresta Sud e velocemente si arriva alla Sella di Gorzano, quota 2310 m, qui di solito c'è un bel laghetto che riesce a resistere anche al caldo estivo. Dal laghetto si seguono i paletti metallici e gli omini di pietra che indicano il sentiero 354 e passa nell'anfiteatro chiamato le Cento Fonti. Un sentiero vero e proprio non esiste, i dossi sono pieni di erba falasca, bisogna fare un po' di attenzione. I paletti sono stati piantati da poco tempo e la traccia ancora non si è formata, fare attenzione dove si mettono i piedi per evitare storte.

Si passa accanto ad una copiosa sorgente dove c'è un bottino dell'acquedotto, quota 1860 m, e si continua a scendere fino ad intercettare la strada che sale da Cesacastina, in basso si nota il ponte di cemento. Giunti nei presi della Sorgente Mercurio si attraversa il ponte e si segue la sterrata. Al bivio di quota 1535 m si prende a destra e senza nessun problema si ritorna alla base di partenza (3,30 ore - Km 11,5).

cartina 1-2

cartina 1-2 Cesacastina-Laghetta Nord-Valle Cento Cascate-Cento Fonti.JPG

cartina 2-2

cartina 2-2 Cesacastina-Laghetta Nord-Valle Cento Cascate-Cento Fonti

001 - da Cesacastina (Teramo) salendo verso La Cimata e il Monte Gorzano, il Gruppo del Gran Sasso

001

002 - il Rifugio presso la presa Enel del Fosso dell'Acero, dietro parte il sentiero da prendere

002

003 - segnali escursionistici, località Le Piane 1325 m, Cesacastina, Teramo

003

004 - una delle Cento Cascate del Fosso dell'Acero, Cesacastina

004

005 - il Fosso dell'Acero in basso prende il nome di Valle delle Cento Cascate

005

006 - il Fosso dell'Acero in basso prende il nome di Valle delle Cento Cascate

006

007 - il Fosso dell'Acero in basso prende il nome di Valle delle Cento Cascate

007

 008 - il Fosso dell'Acero in basso prende il nome di Valle delle Cento Cascate

008

009 - il Fosso dell'Acero in basso prende il nome di Valle delle Cento Cascate

009

010 - il Fosso dell'Acero in basso prende il nome di Valle delle Cento Cascate

010

011 - Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

011

012 - Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

012

013 - Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

013

014 - Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

014

015 - Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

015

016 - Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

016

017 - Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

017

018 - Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

018

019 - Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

019

020 - il Fosso dell'Acero e il Gruppo del Gran Sasso

020

021 -  Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

021

022 -  Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

022

023 -  Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

023

024 -  Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

024

025 -  Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

025

026 -  Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

026

027 -  Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

027

028 - il Fosso dell'Acero e il Gran Sasso

028

029 -  Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

029

030 -  Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

030

031 -  Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

031

032 -  Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

032

033 -  Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

033

034 -  Fosso dell'Acero o Valle delle Cento Cascate

034

035 - il tratturo che porta dalla Sorgente Mercurio 1759 m sulla Costa delle Troie

035

036 - il Gran Sasso visto salendo dalla Sorgente Mercurio sulla Costa delle Troie

036

037 - l'anfiteatro delle Cento Fonti

037

038 - la Sorgente Mercurio tra la Valle delle Cento Cascate  e delle Cento Fonti

038

039 - la Cresta delle Troie e il Gruppo del Gran Sasso

039

040 - la sterrata che sale da Cesacastina vista dalla Cresta delle Troie

040

041 - la Valle delle Cento Fonti vista dalla Cresta delle Troie

041

042 - la Valle delle Cento Fonti, visto dalla Costa delle Troie

042

043 - La Montagna dei Fiori e di Campli visti dalla La Cimata 2239 m

043

044 - Quota 2283 m a Nord del Gorzano, Pelone Meridionale 2259 m e il Pizzo di Moscio 2411 m

044

045 - il Pizzo di Moscio 2411 m, la Cima Lepri 2445 m e i Sibillini

045

046 - Quota 2283 m a Nord del Gorzano, Pelone Meridionale 2259 m e il Pizzo di Moscio 2411 m

046

047 - il Pizzo di Moscio 2411 m, la Cima Lepri 2445 m e i Sibillini

047

048 - la Valle del Fiume Tordino visto dalla La Cimata 2239 m

048

049 - la cresta Est del Monte Gorzano 2458 m

049

050 - la cresta Est del Monte Gorzano 2458 m

050

051 - dalla cresta Est del Gorzano il Fosso del Fiume Tordino e la Montagna dei Fiori e di Campli

051

052 - sul Monte Gorzano 2458 m

052

053 - il Gruppo del Gran Sasso visto dal Monte Gorzano

053

054 - la cresta Ovest del Monte Gorzano, via normale da Capricchia, Amatrice

054