Appennino oltre i 2000 metri

Monte Prena: Via dei Laghetti, discesa per la Via Brancadoro

Monte Prena

per la Via dei Laghetti

discesa per la Via Adelelmo Brancadoro

Nota1:

La Via dei Laghetti e la Via Brancadoro sono segnate molto bene con bandierine di vernice giallo-rosso. Sono vie alpinistiche e non c’è alcuna ferrata quindi il set è del tutto inutile. Nei punti più difficili ci sono vecchie corde fisse, non fidarsi, questi tratti sono da attrezzare di volta in volta. Farsi accompagnare da persone esperte, meglio da Guide Alpine (portare imbrago e una corda lunga minimo 30 metri)

Programmare l’escursione in condizioni atmosferiche eccellenti, in caso di pioggia o temporale il percorso diventa pericoloso a causa della discesa d’acqua.

Escursione effettuata a Luglio 2018 con il Grandissimo Appenninista Giuseppe D’Annunzio - Traccia GPX (vedi Nota2).

Tempo di salita (per esperti senza utilizzo di protezioni): 4,30 ore.

Tempo di salita attrezzando i punti più difficili: 6 ore - ascesa 1000 m - Km 8

Tempo di discesa per la Via Brancadoro: 5 ore

Fare riferimento alla cartina: PARCO NAZIONALE GRAN SASSO-LAGA - Club Alpino Italiano - Sezione dell’Aquila - Carta dei sentieri, scala 1:25000 - SELCA - Firenze

Nota2:

la Traccia GPX è quella effettivamente registrata dallo strumento ma essendo il percorso alpinistico è puramente indicativa. Non si può pretendere che sia precisa perchè le gole risalite e discese sono strette e la via è stata registrata con l'aiuto di pochi satelliti. Non fare affidamento alla traccia ma affidarsi esclusivamente alla propria esperienza. 

Percorso auto:

Da Assergi si prende la Strada Statale della Funivia del Gran Sasso d’Italia (n° 17 bis), superata la stazione inferiore si prosegue per Campo Imperatore.

Più avanti, al bivio di San Egidio, si trascura a sinistra la strada che porta all’Albergo di Campo Imperatore e si continua dritti lungo la via che attraversa, in direzione Est, tutto l’altopiano.

Si può parcheggiare, sullo spiazzo a destra, appena superato il bivio del Km 42 che a destra porta a Santo Stefano di Sessanio, oppure continuare dritto, trascurare dopo 400 metri, uno stradino “invitante” a sinistra e proseguire fino al Km 43 (circa) dove si parcheggia al lato della strada, quota 1580 m.

Qui, in direzione Nord, parte una sterrata, segnata sulla cartina in rosso e senza numero, che dobbiamo percorrere a piedi e che ci porta senza problemi ai piedi del Monte Prena e all’inizio della Via dei Laghetti

Descrizione:

Se si parcheggia al bivio con la strada per Santo Stefano di Sessanio a piedi si attraversa il pianoro di Campo Imperatore in direzione Nord-Nord-Est fino ad entrare e superare il letto di sedimenti alluvionali della Canala.

Ci si mantiene sul lato sinistro (senso di marcia) del fiume di sassi, si ruota intorno alle Veticole (rilievo tonteggiante che si trova sulla destra) e si percorre l’ultimo tratto di un impressionante canale di breccia e sabbia avvicinandosi verso le pareti della montagna.

Si supera un manufatto in cemento che si trova in alto a sinistra, in corrispondenza del quale ci sono due alberi di pino, poco oltre si incontra un’altra costruzione e si arriva alla base di un grande compluvio roccioso dove c’è la lapide, ben visibile, che indica l’inizio della Via Cieri, nei pressi c’è una briglia formata da un muro a secco, quota 1810 m, 1,15 ore dall’auto (La Via è dedicata al Maggiore Medico degli Alpini, Raffaele Cieri Pugliese, decorato al Valor Militare).

Lasciata la Cieri a sinistra si prosegue dritti (Nord-Est) per poche decine di metri. La segnaletica giallo-rossa che indica la Via dei Laghetti parte presso la piccola lapide, quota 1810 m, che ricorda due escursionisti morti sulla stessa via a causa di una pioggia torrenziale. Si sale in direzione Nord-Nord-Ovest passando accanto ad un piccolo bottino; poco più in alto a destra scorre un ruscello. Salendo si incontrano le prime caratteristiche pozze d’acqua limpida.

Si risale un canalino roccioso e si arriva alla prima difficoltà, una paretina di quindici metri umida (III), quota 1870 m circa. Si prosegue superando grosse rocce accatastate e poi un ripido pendio erboso. Si sale su una placca coricata e poi ancora un ripido canalino roccioso (continui passaggi di II e II+). Nel frattempo l’ambiente è maestoso e selvaggio, ci sono bizzarre forme rocciose e si incontrano piccoli laghetti d’acqua limpida.

Superata una placca liscia (passo di III) ai piedi della quale c’è una piccola grotta che può fungere da rifugio, quota 2015 m, si prosegue a salire tra massi fin sotto ad una seconda paretina di 15 metri (II e III). Oltre la paretina si passa in mezzo ad una fessura tra due massi e dentro un buco. Si continua tra stretti e ripidi canalini rocciosi e poi tra larghi pendii erbosi e rocciosi; a quota 2125 m ci si imbatte con una piccola pozza (l’ultima) dove si può fare provvista d’acqua.

Ancora roccia coricata e si giunge presso un masso incastrato, quota 2160 m, si passa sotto. Si prosegue sempre tra stretti canali rocciosi fino a quota 2185 m dove la via piega decisamente a destra Nord-Est. Le difficoltà non sono finite, si prosegue su una lunga rampa formata da roccette, placche coricate e brecciose, con passi di I, II e II+ fino ad uscire su una forcella, quota 2360 m, della cresta Sud-Est. Ci si affaccia d’incanto sul Monte Camicia e qui arriva da destra la Via Brancadoro. Per la dorsale e poi traversando su sfasciumi si raggiunge la visibile Croce di vetta, 2561 m.

In discesa si ritorna alla forcella di quota 2360 m dove si lascia la Via dei Laghetti che scende a destra e si prosegue in salita dritti. Appena aggirato sulla sinistra uno sperone roccioso si incontra la prima difficoltà, quota 2370 m: c’è da scendere una paretina di una quindicina di metri (III+) in corda doppia. Dall’altra parte si risale di qualche decina di metri e poi si continua a scendere passando dentro un piccolo canale-camino.

Ancora una salita su pietrai e roccia, tra enormi guglie e siamo alla seconda difficoltà (III), quota 2325 m: si deve aggirare e poi scendere un roccione tenendolo a destra; il passaggio è stretto, ripido e molto esposto, bisogna attrezzare il tratto. Superato l’ostacolo si continua a scendere “velocemente” dentro canali con sfasciumi e roccia. Siamo sempre circondati da guglie che hanno strane ed incredibili forme.

Si arriva così all’ultima difficoltà, quota 2260 m: il caratteristico, lungo e stretto, canale-camino che si supera passandoci dentro (II e II+). Fuori dalle difficoltà si prosegue a scendere passando su roccette e sfasciumi guidati dalle bandierine di vernice fino all’attacco della via dove c’è una lapide, quota 2025 m, che ricorda che la Via è dedicata al Capitano degli Alpini Adelelmo Brancadoro, Medaglia d’Argento al Valor Militare.

Si scende ancora puntando alla sella che separa la Fornaca a sinistra (Est) dalla Canala a destra (Ovest), quota 1980 m. Da qui conviene salire in direzione Sud sulla Cima delle Veticole, quota 2044 m (ottimo il panorama sulle guglie appena percorse) e scendere lungo la dorsale Sud-Sud-Ovest tenendo come riferimento, in basso a destra, La Canala ed una sterrata che gli passa vicino. Raggiunto il piano, per prati si ritorna all’auto.

cartina 1-3

cartina 1-3 Monte Prena - Via dei Laghetti e Brancadoro

cartina 2-3 (particolare)

cartina 2-3 Monte Prena - Via dei Laghetti e Brancadoro

cartina 3-3 (particolare)

cartina 3-3 Monte Prena - Via dei Laghetti e Brancadoro

001 - la testa della Canala…Si supera un manufatto in cemento che si trova in alto a sinistra,

in corrispondenza del quale ci sono due alberi di pino…

001

002 - …poco oltre si incontra un’altra costruzione…

002

003 - …base di un grande compluvio roccioso…

003

004 – la base di partenza della Via Cieri

004

005 - …piccola lapide, quota 1810 m, che ricorda due escursionisti morti sulla stessa via (Via dei Laghetti) a causa

di una pioggia torrenziale…

005

006 - …Si sale in direzione Nord-Nord-Ovest passando accanto ad un piccolo bottino; poco più in alto a destra

scorre un ruscello…

006

007 - …Si risale un canalino roccioso…

007

008 - prima pozza d’acqua limpida

008

009 - ancora roccia

009

010 - la prima paretina (umida) di 15 metri da superare

010

011 - Giuseppe D’annunzio in azione

011

012 - ora si sale con l’aiuto della corda

012

013 - sopra la paretina, un altro laghetto cristallino

013

014 - superamento di gradini rocciosi

014

015 - un prato scosceso

015

016 - ambiente maestoso

016

017 - un’altra bella e “profonda” pozza

017

018 - la Via dei Laghetti prende il nome da queste pozze di acqua cristallina

018

019 - i laghetti collegati da un rivolo d’acqua

019

020 - uno sguardo verso il Monte Bolza

020

021 - un laghetto

021

022 - ancora rocce da scalare

022

023 - una piccola grotta, potrebbe essere utile in caso d’emergenza

023

024 - rocce verticali

024

025 - una strettoia

025

026 - il Monte Bolza visto dalla Via dei Laghetti

026

027 - un canalino misto, pietraio ed erba

027

028 - il torrione dove passa la Via Cieri

028

029 - si fa rifornimento d’acqua, l’ultimo laghetto incontrato

029

030 - roccia-roccia-roccia (anche se coricata)

030

031 - pinnacoli con forme bizzarre

031

032 - roccia, pietraio e prato scosceso

032

033 - uno sguardo verso la Majella nascosta da un po’ di foschia

033

034 - un masso incastrato

034

035 - l’ultima neve

035

036 - roccia da risalire sempre con attenzione

036

037 - un gendarme da raggiungere

037

038 - da qualche minuto abbiamo cambiato direzione; da Nord-Nord-Ovest abbiamo girato a destra, Nord-Est

038

039 - una strana figura ed il Monte Bolza

039

040 - la forcella da raggiungere, 2360 m

040

041 - sulla forcella, il Monte Camicia, il Vado di Ferruccio ed il Mare

041

042 - il punto di incontro della Via dei Laghetti con la Via Brancadoro, la forcella di quota 2360 m

042

043 - altre 200 metri di quota da risalire per la vetta del Monte Prena

043

044 - ancora uno sguardo sul Monte Camicia

044

045 - la Croce del Monte Prena

045

046 - sul Monte Prena 2561 m

046

047 - sul Monte Prena con Iuri Di Benedetto che con i suoi amici sta percorrendo il Centenario

047

048 - la Via Brancadoro, la prima difficoltà

048

049 - uno sguardo verso il Monte Camicia dalla Via Brancadoro

049

050 - superamento della prima difficoltà, con una calata in doppia

050

051 - una vecchia corda fissa da non utilizzare

051

052 - un canalino da percorrere in discesa

052

053 - saliscendi tra gendarmi

053

054 - uno sguardo verso Campo Imperatore

054

055 - un altro passaggio molto esposto

055

056 - chi ha messo i massi li sopra?

056

057 - uno sguardo verso il Monte Bolza

057

058 - tra torrioni e il Monte Camicia

058

059 - una stella alpina

059

060 - verso il caratteristico canale-camino

060

061 - l’imbocco del canale-camino

061

062 - dentro al canale-camino

062

063 - una tartaruga

063

064 - un torrione ed il Monte Camicia

064

065 - la Cima delle Veticole ed il Monte Bolza

065

066 - la Cima delle Veticole ed un caratteristico gendarme

066

067 - l’inizio della Via Adelelmo Brancadoro

067

068 - sulla Cima delle Veticole

068

069 - Campo Imperatore al tramonto

069