Appennino oltre i 2000 metri

Monte Prado-Monte Cella-Monte Vecchio-Monte Cipolla

Monte Cella-Monte Vecchio-Monte Prado-Monte Cipolla

da Pian Vallese (Febbio)

Note:

Ricognizione effettuata nell’estate 2017. Giro parzialmente ad anello.

Tempo complessivo dell’escursione 8 ore - ascesa 1300 m - Km 20,5 - Traccia GPX

Fare riferimento alla cartina:

APPENNINO TOSCOEMILIANO - Parco del Gigante - Appennino Reggiano, Parmense e Lunigiana - Carta dei sentieri e rifugi 1:25.000 - Edizioni Multigraphic - Firenze

L’anfiteatro Nord del Prado, dove c’è il Lago Bargetana, vale da solo un’escursione, è un bellissimo posto, si può fare il periplo intero dello specchio d’acqua, limpido e non molto profondo e alimentato da una sorgente che sgorga da un ripido vallone della cresta.

Percorso auto:

Da Villa Minozzo, comune in provincia di Reggio Emilia, ci si dirige verso il Passo delle Radici fino ad un bivio dove si gira a destra per Febbio, una frazione di Villa Minozzo.

Superato l’abitato, seguendo la strada per Monte Orsaro, al successivo incrocio si prende a sinistra una strada in salita che porta alla vicina stazione sciistica di Rescadore. Passati alcuni hotel, residence e impianti di risalita si prosegue sulla strada asfaltata fino alla sua fine (3 Km dagli alberghi) dove c’è la radura di Pian Vallese.

Descrizione:

All’inizio della radura di Pian Vallese 1284 m, sulla destra (Sud) parte il sentiero segnato numero 615 (sentiero segnato molto bene). Si sale su una comoda mulattiera nel bosco uscendo dal limite della vegetazione arborea poco prima di attraversare il torrente che percorre il Fosso delle Tie (ottima acqua, si possono riempire le borracce). Si continua a salire sempre su evidente traccia dalla parte destra del fosso (senso orografico) fino a giungere sulla sella erbosa del Passone 1847 m (tempo dalla partenza: 1,30 ore - ascesa 560 m - Km 3).

Dal Passone si continua in direzione Sud-Ovest seguendo il sentiero 615 che passa lungo la dorsale che divide la Valle dell’Ozola (Ovest) da quella del Dolo (Est), si supera il bivio (a destra) che in pochi minuti porta al Rifugio CAI Cesare Battisti 1769 m , ottimo punto di appoggio, e si giunge presso un trivio di strade sterrate nella località Lama Lite 1769 m, di fronte c’è la cresta Nord di Monte Prado (dal Valico 20 minuti - Km 1,5).

Si prende a sinistra e percorsi poche decine di metri si imbocca a destra (Sud) il sentiero numero 633 direzione Passo Bocca di Massa che scende a mezza costa, tra l’erba falasca ed altre piante basse, sul versante Est del Monte Prado.

Si lascia a sinistra il sentiero 605 diretto al Rifugio Segheria dell’Abetina Reale, si guada il Rio Torto, dove si può fare rifornimento d’acqua, e si giunge ad un altro bivio dove si prosegue dritti trascurando a sinistra il sentiero numero 605B “Olinto Pincelli” diretto anche questo al Rifugio Segheria.

Si entra e si esce da bellissime macchie di faggio aggirando i salti rocciosi dello Sperone di Monte Prado o Monte Sassofratto; alcuni alberi sono atterrati per le intemperie invernali. Si passa tra estesi prati di erba e mirtilli, si tocca una sorgente ed in corrispondenza del fosso Rio Sasso Fratto si trascura a sinistra un altro sentiero diretto sempre al Rifugio Segheria, numero 681 B.

Ancora avanti a mezza costa con una salita più accentuata, tra verdi praterie di mirtilli, fino a giungere sul Valico di Bocca di Massa, quota 1816 m. IL sentiero è sempre ben visibile ed il Passo è evidenziato da cartelli escursionistici (da Lama Lite: 1,30 ore - ascesa 200 m - Km 4,3).

Si continua sul sentiero 00 in direzione Nord-Ovest e, rimanendo sempre sul filo di cresta, si tocca la vetta del Monte Cella, quota 1946 m (cartello escursionistico sulla cima). Si prosegue dall’altra parte in discesa e poco prima di riprendere il sentiero principale (che non passa sulle cime ma le aggira) su una roccia si incontra una bella Croce di ferro dove c’è una targa con su scritto “il 23/07/1959 – rimaneva uccisa – da un fulmine – la signora Longhi Estere – a soli 34 anni – lasciando il marito – con due figli”… rimango in meditazione…ho il terrore dei fulmini in montagna.

Sempre nella stessa direzione si giunge al Passo degli Scaloni, quota 1922 m, qui il sentiero si biforca; si continua lungo la cresta in salita e si raggiunge la cima del Monte Vecchio, 1982 m. Si scende dalla parte opposta e si arriva sul Passo di Monte Vecchio, 1925 m, dove si trova un piccolo ricovero in pietra.

Sempre per cresta si perviene sul Monte Prado, 2054 m (dal Passo di Bocca di Massa: 1,40 ore - ascesa 380 m - Km 3,5).

Dalla cima più alta della Toscana ci sono due possibilità per raggiungere il Monte Cipolla, quota 1962 m; la prima è proseguire per l’affilato crinale Nord del Monte Prado, raggiungere una sella di quota 1920 metri circa e risalire dall’altra parte fino sul punto più alto, quota 1962 m. In discesa ritornati alla sella si scende per traccia di sentiero direttamente al Lago Bargetana (1 ora - ascesa 40 m - Km 2 circa).

L’altra possibilità è, dalla vetta del Prado, continuare lungo il sentiero 00 in direzione Ovest fino alla Sella del Monte Prado, 1890 m, da dove si segue, a destra, il sentiero numero 631 per il Lago Bargetana, quota 1760 m (35 minuti - Km 1,8). Dal Lago per un’evidente traccia di sentiero si raggiunge la sella e la vetta del Monte Cipolla (tra andata e ritorno: 1 ora - ascesa 200 m - 1,8 Km).

Ritornati al Lago si prosegue lungo il sentiero 631 in direzione Nord-Est fino ad intercettare una sterrata che presa a destra ci porta al trivio o Passo di Lama Lite da dove seguendo il sentiero di andata si ritorna all’auto (dal Lago della Bargetana: 2,15 ore - ascesa 120 m - Km 6 circa).

cartina 1-2

cartina 1-3 Monte Cella-Monte Vecchio-Monte Prado-Monte Cipolla

cartina 2-3

cartina 2-3 Monte Cella-Monte Vecchio-Monte Prado-Monte Cipolla

cartina 3-3

cartina 3-3 Monte Cella-Monte Vecchio-Monte Prado-Monte Cipolla

001 - salendo verso il Passone

001

002 - il Passone 1847 m

002

003 - in fondo il Monte Prado 2054 m

003

004 - alcuni biker salendo verso il Passone

004

005 - il Rifugio Cesare Battisti

005

006 - il Passo di Lama Lite

006

007 - sentiero numero 633

007

008 - bivio con il sentiero 605

008

009 - i salti rocciosi dello Sperone di Monte Prado

009

010 - sorgente del Rio Torto

010

011 - bivio con il sentiero 605B

011

012 - attraversando il bosco

012

013 - grandi praterie di erba falasca e mirtilli

013

014 - il sentiero molto marcato che attraversa la prateria

014

015 - bivio con il sentiero 681B

015

016 - uno sguardo indietro, la grande prateria e l’Alpe di Vallestrina

016

017 - un laghetto di erba rossa

017

018 - ancora una macchia di bosco

018

019 - ultima parte della prateria prima del Valico di Bocca di Massa

019

020 - Valico di Bocca di Massa 1816 m

020

021 - in vista del Monte Cella 1946 m

021

022 - vetta del Monte Cella 1946 m

022

023 - una caratteristica Croce

023

024 - particolare della Croce, sulla targa c’è scritto: “il 23/07/1959 – rimaneva uccisa –

da un fulmine – la signora Longhi Estere – a soli 34 anni – lasciando il marito – con due figli”

024

025 - il Passo degli Scaloni 1922 m

025

026 - Monte Vecchio 1982 m e le Alpi Apuane

026

027 - Passo di Monte Vecchio, 1925 m, particolare di un piccolo rifugio

027

028 - Monte Prado 2054 m

028

029 - salendo verso il Monte Cipolla

029

030 - salendo sul Monte Cipolla vista del Monte Prado

030

031 - omino di pietra del Monte Cipolla 1962 m, vista del Monte Prado

031

032 - dal Monte Cipolla uno sguardo verso il Monte Cusna

032

033 - il Lago della Bargetana, particolarmente affollato

033